Venerdì 18 Ottobre 2019

Politica

Rifiuti, Sara Marcozzi chiede il Piano regionale

08/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Rifiuti, Sara Marcozzi chiede il Piano regionale

"Sono felice di aver ascoltato per la voce dell'Assessore con delega ai rifiuti Nicola Campitelli che non sentivamo ormai dai tempi della campagna elettorale.

È tornato a parlare svolgendo la funzione di 'risponditore automatico' di Marsilio in materia di inceneritori, confermando peraltro l'apertura del Presidente di Regione a un loro utilizzo in Abruzzo". Ad affermarlo è il Capogruppo Movimento 5 stelle Sara Marcozzi a seguito delle dichiarazioni rilasciate dall'Assessore Nicola Campitelli. "Stupisce il fatto – prosegue Marcozzi – che abbia impiegato ben due giorni per articolare una risposta, senza comunque riuscire a presentare provvedimenti concreti. Ci faccia vedere piuttosto il Piano regionale di gestione dei rifiuti che ha in mente di realizzare. Si trova al governo della Regione, il tempo per le chiacchiere è finito da mesi ormai. Le sue parole, tuttavia, confermano la mia preoccupazione per il futuro della Regione. Campitelli dimostra di non avere ben chiaro l'argomento di cui si occupa e per cui i cittadini abruzzesi lo pagano profumatamente. È necessario ribadire per l'ennesima volta un concetto chiaro. La competenza per la creazione degli impianti e la gestione dei rifiuti è regionale. È inutile quindi continuare a fare propaganda tirando in ballo Virginia Raggi dal momento che i rifiuti di Roma sono rifiuti del Lazio, la regione del suo Presidente, ed è a livello regionale che devono essere trovate soluzioni. Il fatto che Campitelli ignori, o faccia finta di ignorare, a chi spetti questa competenza è decisamente grave". "Ad ogni modo – conclude Marcozzi – noi rimaniamo in attesa delle soluzioni che gli esponenti del centro destra hanno sempre dichiarato di avere a portata di mano, salvo poi essere continuamente smentiti dai fatti. Il MoVimento 5 Stelle ribadisce il suo chiaro no agli inceneritori. La nostra regione ha già subito troppi danni ambientali, i cittadini hanno manifestato e combattuto battaglie per difenderla. Marsilio e la sua Giunta guardino al futuro invece di volerci far tornare indietro di anni".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“Il Tribunale di Lanciano deve rimanere a pieno titolo, come fatto fino ad ora, nella partita di deroga alla chiusura dei presidi della giustizia sui territori. Lo dobbiamo fare insieme a Vasto, portando avanti il progetto di specializzazione dei presidi, lo dobbiamo fare nella intesa tra le avvocature e tra le amministrazioni comunali”

“La battaglia per salvare il tribunale di Lanciano si deve muovere sul piano tecnico e su quello politico, non basta dire laconicamente che c’è un progetto per un tribunale unico di Lanciano e Vasto dislocato nei due territori, bisogna andare preparati il prossimo 21 ottobre all’incontro con la commissione ministeriale, ma questa amministrazione ancora una volta dà dimostrazione di approfondire poco e malamente il problema e di non avere una visione univoca interna”.

"Abbiamo assistito a una vera e propria gara tra Lega e Fratelli d'Italia a chi manifestava il voto più di estrema destra oggi in Consiglio regionale, spacciandolo per attenzione alle norme di sicurezza", così il Capogruppo Silvio Paolucci e i Consiglieri del Gruppo Pd Antonio Blasioli e Dino Pepe, sull'approvazione delle modifiche alla legge regionale n.96/1996 che regola la gestione e l'assegnazione delle case popolari in Abruzzo.

E' stata approvata a maggioranza la legge di iniziativa della giunta regionale che modifica le norme per l'assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione.