Venerdì 04 Dicembre 2020

Politica

Regione Abruzzo, rimozione Febbo, Forza Italia contraria a decisione, Pagano: Febbo risorsa essenziale

21/10/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Regione Abruzzo, rimozione Febbo, Forza Italia contraria a decisione, Pagano: Febbo risorsa essenziale

Il coordinatore regionale di Forza italia ribadisce la stima ed il sostegno del partito a Mauro Febbo.

"La decisione annunciata dal Presidente della Regione Abruzzo di assumere su di sé le deleghe affidate all'assessore Mauro Febbo revocandogli l'incarico in Giunta regionale non può essere condivisa da Forza Italia. Si dovrebbe semmai riflettere collegialmente sulle scelte fatte in occasione delle recenti elezioni amministrative, dove gli errori di valutazione sono stati molteplici e di tanti. Basta guardare ai risultati del primo turno o alla contrarietà agli apparentamenti al ballottaggio, che venivano auspicati da Forza Italia e dallo stesso Presidente Marsilio. Così in una nota il coordinatore regionale azzurro Sen. Nazario Pagano. Bisogna analizzare insieme gli errori fatti e cercare le vie per una ribadita e più forte coesione. Evitando rinnovati scontri che non sono utili all' azione amministrativa ma che insieme dobbiamo portare avanti al servizio dei cittadini. E l'assessore Febbo anche da questo punto di vista è una risorsa essenziale nel governo della Regione Abruzzo. Con lealtà ma anche con fermezza rappresenteremo questa posizione di Forza Italia al Presidente Marsilio e alla coalizione, confermando stima e sostegno per l'assessore Mauro Febbo." Conclude il sen.Nazario Pagano.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo Forza Italia

Potrebbero interessarti

Il primo firmatario è il presidente della Regione Marco Marsilio." Dati in Abruzzo su questo fenomeno sono drammatici.

Il Governatore, nel corso della conferenza stampa per presentare la legge approvata a sostegno delle imprese della montagna, parla dell'attuale situazione in Abruzzo e dell'aumento dei posti letto nelle strutture sanitarie regionali.

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, tra i firmatari di una mozione volta a fare chiarezza sulla annosa vicenda dell’Istituzione storica da tempo in crisi, giudica la scelta del Comune inaccettabile e superficiale.