Lunedì 19 Aprile 2021

Politica

Polemiche su Pet Tac a Chieti, Febbo: Noi abbiamo un percorso chiaro mentre altri fanno solo propaganda

31/03/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Polemiche su Pet Tac a Chieti, Febbo: Noi abbiamo un percorso chiaro mentre altri fanno solo propaganda

Il consigliere regionale di Forza Italia replica alle polemiche lanciate dal Movimento 5 stelle.

“Sta diventando stucchevole registrare, ormai quotidianamente, le contestazioni del Movimento 5 stelle sulla situazione della Pet – Tac all’ospedale di Chieti. Polemiche insistenti e strumentali con le quali evidentemente, si gioca sulla salute dei cittadini, sui più fragili e sulle loro reali esigenze, allo scopo di guadagnarsi visibilità”.

Così il capogruppo di Forza Italia, Mauro Febbo che continua: “Come più volte avevo già messo in evidenza con interventi pubblici e come ha fatto lo stesso direttore generale Schael, si è al lavoro per risolvere la situazione in modo decisivo. Abbiamo scelto e reso pubblico un percorso chiaro da portare avanti consapevoli che i tempi non sono rapidi come è altrettanto evidente che in questo momento le economie sanitarie sono quasi totalmente impiegate per far fronte all’emergenza covid-19.

Il direttore generale Schael ha ribadito che verrà realizzata una struttura ex novo, di fianco all’ingresso principale, nella quale collocare oltre alla Pet-Tac due apparecchi di risonanza magnetica, colmando una carenza storica. Nel frattempo è stato sottoscritto un nuovo contratto con la ditta che fornisce il mezzo mobile per garantire continuità agli esami diagnostici durante tutto l’iter da seguire per l’acquisto dell’apparecchio. Mi sembra quindi che Asl e Regione abbiamo le idee chiare su come rispondere alle sacrosante richieste dei cittadini – conclude Febbo - mentre c’è qualcuno che in modo becero, strumentale e assolutamente inopportuno, vista la delicatezza del tema, continua a strumentalizzare la situazione con un unico obiettivo: fare propaganda”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La progettazione del piano di San Donato affidata allo Studio di ingegneria Bona di Lanciano per un importo di 16mila e 892 euro, quello dei Ripari di Giobbe all’architetto Claudio Angelucci per un importo di 15mila e 513 euro.

“Ancora una volta sono le Regioni a fare da sprone e a fornire al Governo e al Paese gli strumenti per ripartire e mettere in moto l’economia, che rappresenta la seconda grave crisi dopo quella sanitaria.”

Il progetto, partito nel 2019, ha l’obiettivo di ridurre i rifiuti in mare attraverso azioni specifiche che i pescatori possono mettere in atto mediante la normale attività di pesca.

Casanova, Viviani, D’Eramo: “Evitiamo la morte di centinaia di imprese. Abruzzo allo stremo"