Marted 05 Luglio 2022

Politica

Pescara, no alcol dopo le 24, Testa e Carota: limite esagerato e dannoso per economia

20/02/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, no alcol dopo le 24, Testa e Carota: limite esagerato e dannoso per economia

I due esponenti di Fratelli d'Italia esprimono contrarietà alla normativa

“Una città di mare , come Pescara e Montesilvano, non si può ‘chiudere’ a mezzanotte, soprattutto nel periodo estivo." Esordisce così la nota congiunta del capogruppo di FdI in Consiglio regionale, Guerino Testa, e del coordinatore del partito cittadino di Pescara, Roberto Carota.

"Esprimiamo convinta contrarietà all’applicazione di una normativa passata nel dimenticatoio poiché per lo più inapplicata ovunque, e una ragione ci sarà. Riteniamo quel limite di orario insensato, esagerato e dannoso per tutte le attività imprenditoriali interessate, per i cittadini e per i turisti. Solo immaginare la prossima estate - dopo le già enormi difficoltà dovute alla crisi economica da emergenza sanitaria - con una restrizione così significativa, fa presagire scenari ancor peggiori."

"Siamo per il rispetto rigoroso delle regole e, come è noto, Fratelli d’Italia è in prima linea affinché vengano onorate in qualsivoglia ambito. Regolamentare la movida nelle zone a maggiore aggregazione giovanile, ci trova da sempre d'accordo ma la migliore strategia è quella di non scontentare nessuno e adottare iniziative che non pregiudichino ulteriormente la nostra economia ".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Guerino Testa: autorevolezza e risultati il miglior viatico per il futuro.

Dopo la visita dell'assessore regionale alla Sanità ieri al Renzetti il sindaco della città Filippo Paolini sottolinea " Si sta lavorando alacremente. Sulla sanità polemiche inutili e sterili"

L'organismo chiamato a pianificare le misure di prevenzione alla violenza di genere ha votato il suo regolamento interno.

Dopo vertice in Regione intervengono i I sindaci di Chieti e Manoppello: al lavoro per realizzare casse di espansione per ridurre il rischio di esondazione