Marted 19 Novembre 2019

Politica

Nuovi rincari in arrivo sulle bollette Sasi.

19/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

Ad annunciarlo sono i consiglieri di minoranza dei gruppo Nuova Lanciano (Paolo Bomba e Angelo Palmieri) e Lanciano al centro (Gabriele Di Bucchianico), preoccupati per le sorti dei cittadini di 92 comuni soci.

“Qualche giorno fa – spiegano i consiglieri di NL e LAC – ci siamo imbattuti in una comunicazione effettuata dalla Sasi e pubblicata, in maniera non del tutto evidente, sul sito della spa partecipata dai Comuni. Il contenuto è preoccupante: l’autorità di regolazione per energia, reti e ambiente (Arera) ha previsto una modifica delle tariffe che saranno calcolate, per l’uso domestico, non più in base al consumo effettivo, ma per numero di componenti del nucleo famigliare. Le tariffe saranno calcolate moltiplicando per ciascun componente della famiglia il quantitativo minimo di acqua per soddisfare i bisogni essenziali, stabilito in 20 metri cubi annui. La Sasi (a partire dalla fase di avvio delle nuove tariffe e fino al 2022) considererà un nucleo famigliare standard di tre persone. L’utente potrà tuttavia dichiarare gli effettivi componenti della sua famiglia compilando un modulo di autocertificazione. Le nuove tariffe saranno immediatamente applicabili. Unica concessione per i cittadini è che, in caso di incrementi di oltre il 50% rispetto a quanto pagato in media negli ultimi 12 mesi dovuti all’applicazione dei conguagli 2018 e 2019, si può prevedere una rateizzazione degli importi”. “Una situazione che, oltre che preoccupante, è paradossale: – denunciano i consiglieri di minoranza di Lanciano – la Sasi ha ancora bisogno di soldi. Ad autorizzare l’aumento delle tariffe in Regione è difatti l’Ersi (Ente regionale servizio idrico) sulla scorta dell’analisi dei numeri di bilancio della Sasi. “A questo – fanno notare Bomba, Palmieri e Di Bucchianico - si aggiungono i cronici problemi riguardo la vetustà e carenza delle infrastrutture che questa estate hanno messo in ginocchio il vastese e numerosi comuni del Sangro Aventino, da Altino a Casoli, Paglieta, Atessa. Alcune domande sorgono spontanee: quali sono gli investimenti programmati per risolvere questi problemi e per limitare al minimo i disagi per i cittadini? Manifestiamo infine un’ultima perplessità. Una società che dovrebbe essere trasparente come l’acqua che gestisce, risulta essere invece poco incline a pubblicare atti deliberativi del consiglio di amministrazione e, come in questo ultimo caso, molto opaca nel pubblicizzare le revisioni tariffarie programmate a monte con gli enti sovraordinati. Dal momento che ogni società pubblica si “nutre” delle imposte pagate dai contribuenti, questi ultimi non dovrebbero essere i primi a sapere di ogni minima fluttuazione delle tariffe?”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Giacinto Palazzuolo ha rappresentato indiscutibilmente un pilastro per il Comune di Vasto, senza tirarsi indietro nemmeno quando l’età lo aveva collocato in pensione, dispensando, su richiesta, qualsiasi consiglio o suggerimento

Un incontro con il neo presidente del Parco nazionale della Majella, Lucio Zazzara, ma anche e soprattutto un Tavolo di confronto per il rilancio di un territorio, patrimonio indiscusso dell'Abruzzo e capace di generare ricchezza.

Il presidente della Giunta regionale, Marco Marsilio, ha partecipato oggi alla cerimonia di inaugurazione del primo 'ponte elettrico' tra l'Europa e i Balcani. Presente alla cerimonia anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

E’ stato presentato questa mattina a Lanciano, nella sede della divisione ferroviaria di Tua Spa, il progetto esecutivo di realizzazione dell’autostazione del capoluogo frentano.