Lunedì 17 Febbraio 2020

Politica

Marianna Scoccia incontra manager Asl n.1 Roberto Testa

15/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Marianna Scoccia incontra manager Asl n.1 Roberto Testa

La volontà è quella di proporre una offerta di qualità, ed è in quest'ottica che il dott. Testa ha anticipato concorsi per la nomina di nuovi primari per l'ospedale SS Annunziata subito dopo il piano di rientro.

"Questa mattina, prima dei lavori del consiglio, ho voluto incontrare il nuovo manager della ASL1 dott. Roberto Testa. C'è stata una riflessione sulla nuova struttura del nosocomio peligno, unica nel suo genere in Abruzzo per standard di antisismicità, al fine di coniugare le istanze del territorio con la mission aziendale. Ho sottolineato l'importanza di riempire questo nuovo contenitore di servizi, prestazioni e contenuti. La volontà è quella di proporre una offerta di qualità, ed è in quest'ottica che il dott.Testa ha anticipato concorsi per la nomina di nuovi primari per l'ospedale SS Annunziata subito dopo il piano di rientro. Inoltre non ho potuto fare a meno di sottolineare alcune criticità come il servizio di oncologia e di ribadire l'importanza della permanenza del Punto Nascita di Sulmona per l'intero comprensorio, senza tralasciare le strutture complementari al suo funzionamento. L'obiettivo è quello di stabilire un proficuo dialogo con i vertici della ASL che veda i rappresentanti dei territori come attori protagonisti" è quanto dichiara la consigliera regionale Marianna Scoccia.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

“Il Governo nazionale dimentica il ruolo strategico della nostra regione rispetto al meridione”.

L'assessore al Turismo del comune di San Salvo sottolinea che si tratta solo di un fatto burocratico.

L’assessore regionale Nicola Campitelli annuncia la definizione del “Piano di bonifica da amianto”, con il quale la Regione Abruzzo è pronta a realizzare interventi di bonifica da amianto negli edifici pubblici, scolastici ed ospedalieri, per un totale complessivo di euro 20.147.938, 24.

Secondo gli esponenti di FdI il progetto poteva essere rivisto, lasciando il campetto a disposizione delle squadre sportive.