Venerdì 10 Aprile 2020

Politica

Marianna Scoccia incontra manager Asl n.1 Roberto Testa

15/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Marianna Scoccia incontra manager Asl n.1 Roberto Testa

La volontà è quella di proporre una offerta di qualità, ed è in quest'ottica che il dott. Testa ha anticipato concorsi per la nomina di nuovi primari per l'ospedale SS Annunziata subito dopo il piano di rientro.

"Questa mattina, prima dei lavori del consiglio, ho voluto incontrare il nuovo manager della ASL1 dott. Roberto Testa. C'è stata una riflessione sulla nuova struttura del nosocomio peligno, unica nel suo genere in Abruzzo per standard di antisismicità, al fine di coniugare le istanze del territorio con la mission aziendale. Ho sottolineato l'importanza di riempire questo nuovo contenitore di servizi, prestazioni e contenuti. La volontà è quella di proporre una offerta di qualità, ed è in quest'ottica che il dott.Testa ha anticipato concorsi per la nomina di nuovi primari per l'ospedale SS Annunziata subito dopo il piano di rientro. Inoltre non ho potuto fare a meno di sottolineare alcune criticità come il servizio di oncologia e di ribadire l'importanza della permanenza del Punto Nascita di Sulmona per l'intero comprensorio, senza tralasciare le strutture complementari al suo funzionamento. L'obiettivo è quello di stabilire un proficuo dialogo con i vertici della ASL che veda i rappresentanti dei territori come attori protagonisti" è quanto dichiara la consigliera regionale Marianna Scoccia.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Tonia Paolucci e Riccardo Di Nola chiedono chiarezza alla Regione: si parla già del futuro dell'ospedale di Atessa ma quale futuro avrà l'ospedale Renzetti?

L'assessore regionale Mauro Febbo esprime riserve sul Decreto del Governo che non prevede alcuna misura a sostegno del comparto

L'assessore regionale risponde al Pd e chiarisce punto per punto le falsità dette sulla vicenda in relazione alla sua scelta di tornare a fare il medico per l'emergenza Covid19

Il senatore di Idea Cambiamo pone l'attenzione su uno dei settori che patirà le conseguenze dell'emergenza sanitaria più a lungo