Giovedì 13 Agosto 2020

Politica

Interruzione idrica Comune di Chieti, Il sindaco Di Primio: Inaccettabile e irresponsabile la scelta di ACA

29/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Interruzione idrica Comune di Chieti, Il sindaco Di Primio: Inaccettabile e irresponsabile la scelta di ACA

Di Primio chiede ai vertici aziendali informazioni più dettagliate sui flussi idrici di tutti i comuni gestiti dall'’azienda acquedottistica.

«Sto inviando all’ACA una nota nella quale condanno la scelta dell’azienda acquedottistica di voler interrompere il servizio idrico nel comune di Chieti nella notte del 30 luglio, dalle ore 22.00 alle ore 6.00 di venerdì 31 luglio 2020». Così il Sindaco di Chieti, Umberto Di Primio. «La decisione, oltre a non essere stata condivisa con l’amministrazione comunale, è inaccettabile e irresponsabile soprattutto nei confronti di chi ha ristoranti e attività commerciali che verrebbero gravemente danneggiate dall’interruzione idrica nelle ore serali – stigmatizza il Sindaco Di Primio -. È vergognoso e pericoloso, oltre tutto, in questo particolare momento, interrompere totalmente il servizio durante le giornate più calde dell’anno impedendo alla cittadinanza di poter svolgere le più semplici ed elementari azioni di igiene personale. Pur consapevole della carenza idrica, non mi risulta che l’ACA abbia adottato lo stesso metodo ovunque. Non ho notizia, infatti, di così drastiche misure in altri comuni anche a noi vicini. È per questo che ho chiesto ai vertici aziendali di fornirmi dettagliate informazioni sui flussi idrici di tutti i comuni gestiti da Aca così da comprendere quale sia la ‘ratio’ che ha portato ad adottare così scellerata e irresponsabile azione. La necessità – conclude il Sindaco - è quella di scongiurare alle famiglie e alle attività del territorio ulteriori disagi rispetto a quelli che già si verificano nella parte bassa della città da sempre».

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Chieti

Potrebbero interessarti

"Una pietra miliare nel percorso politico e amministrativo di Progetto Lanciano all’interno dell’amministrazione di governo cittadino".

Attraverso il Sindaco Mario Pupillo ed il Presidente del Consiglio Leo Marongiu, l’Amministrazione comunale ha chiesto direttamente all’Assessore regionale Campitelli ed al consigliere regionale Montepara di intervenire politicamente per bloccare questa inaccettabile e umorale decisione di Schael.

Continua a tenere banco la vicenda della seconda Tac, dopo Fratelli d'Italia interviene anche la Lega con l'affondo di Fausto Memmo.

Il consigliere regionale del M5s, nonchè vice presidente della Commissione Sanità, annuncia inoltre che porterà il caso in Commissione Vigilanza.