Mercoledì 05 Agosto 2020

Politica

I vertici della Lega Abruzzo a Lanciano per parlare di infrastrutture strategiche e sanità, bilanci e sprospettive

03/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

L'assessore regionale Campitelli ha focalizzato sugli importanti progetti inseriti ed approvati nel Piano regionale delle infrastrutture strategiche che riguardano la provincia di Chieti. Il segretario regionale D'Eramo si è soffermato sulla legge salva tribunali minori ma ha toccato anche il tema elezioni amministrative.

Nel piano regionale delle infrastrutture strategiche , approvato il mese scorso dalla Regione Abruzzo, che prevede 60 interventi con un investimento di oltre 6 miliardi di euro, compaiono importanti opere che interesseranno la provincia di Chieti, opere attese da anni. Prima fra tutte la strada a scorrimento veloce Lanciano Val di Sangro, che prevede un investimento di 97 milioni di Euro. Stamane a Lanciano, nella sala convegni dell'Hotel Excelsior, l’assessore regionale all’urbanistica Nicola Campitelli, alla presenza del segretario regionale del partito, Luigi D’Eramo, dell’assessore regionale alla Sanitá Nicoletta Verí, dei consiglieri regionali Sabrina Bocchino e Manuele Marcovecchio e Fabrizio Montepara,ha ribadito l’impegno del partito sul territorio frentano. “La Lega forza motrice per la ripartenza di progetti lasciati nel dimenticatoio e fondamentali per consentire un rilancio dell’economia e per creare occupazione.” Ha detto Campitelli, che ha annunciato, in relazione alla Lanciano Val di Sangro, il recupero del vecchio progetto, che aveva avuto modo di visionare quando era assessore provinciale, ormai obsoleto. Attraverso l'importante supporto dell’Anas nazionale, si sta lavorando alacremente per accellerare i tempi per la presentazione di un progetto credibile che possa catturare l’interesse del ministero, cosi da ottenere i fondi, un progetto che migliori il rapporto costi benefici. “Dunque azioni concrete e dirette che consentano di accellerare progettazione e realizzazione degli interventi strategici per l'Abruzzo. - ha detto Campitelli, che ha continuato: In una delle sue tappe in Abruzzo, nell'ambito della campagna elettorale, Matteo Salvini era stato chiaro con noi, non voglio consiglieri ed assessori solo bravi ed onesti, ma voglio che lascino un segno, che facciano la storia della Regione e che non deludano l'elettorato ma rispettino gli impegni presi, noi - ha detto Campitelli - ci stiamo muovendo in questa direzione e vogliamo dare a Lanciano, ed al territorio che la circonda, l'importanza e la centralità che merita". Il segretario regionale, L'on. Luigi D'Eramo si è soffermato non solo sull'importanza delle infrastrutture strategiche, ma sulla necessità di dialogo e confronto tra comuni ed associazioni per far ripartire il territorio. "Occorre - ha detto - guidare anche su Lanciano una rivoluzione del buonsenso." L'onorevole ha poi parlato dell'impegno della Lega per impedire la chiusura dei tribunali minori in Abruzzo, una promessa fatta in campagna elettorale. C'è una proposta di legge della Lega, già presentata dal partito, volta a salvare i palazzi di Giustizia di Lanciano, Vasto e Sulmona e Avezzano che rischiano di essere soppressi. La Proposta di legge che, con ogni probabilità,sarà approvata a metà luglio prevede che sia Regione a prendersi carico delle spese di funzionamento dei tribunali. Sulle prossime elezioni amministrative a Lanciano cosi D'Eramo: "A Lanciano, cosi come a Vasto e Chieti ,abbiamo una classe dirigente matura all'interno della quale si può individuare la figura giusta per guidare una coalizione di centro destra. A noi - ha detto - interessa ragionare sul modello di amministrazione che vogliamo offrire ai territori, un modello riempito di contenuti che devono essere sviluppati con il mondo della associazioni, degli ordini delle professioni,del turismo, dell'agricoltura del mondo della scuola." Il segretario regionale della Lega ha annunciato che saranno istituite, nei prossimi giorni, dieci commissioni tematiche presiedute da un esponente del partito, competente nelle varie materie, per aprire un confronto con tutta la città. "L'ospedale di Lanciano, e',sarà e resterà ospedale di I livello - cosi l'assessore regionale Nicoletta Verì nel corso della conferenza stampa, sottolineando che è quanto stabilito all'interno della rete ospedaliera regionale: "Una rete che stiamo portando a termine attraverso l'affiancamento dei tavoli ministeriali e che non appena ultimeremo ci consentirà di ottenere i fondi per costruire, dopo anni, i nuovi ospedali abruzzesi, tra i quali - ha detto Nicoletta Verì - ci sarà Lanciano, oltre che Vasto e Avezzano. L'assessore ha sottolineato gli investimenti sulla rete Covid fatti sull'ospedale frentano,con la ristrutturazione del pronto soccorso, la nuova tac che sarà presentata a breve e gli investimenti per la riorganizzazione del reparto materno infantile e punto nascita del Renzetti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'assessore regionale ha espresso la volontà di portare la vertenza all'esame nazionale del Mise perché l'azienda chiarisca le ragioni della chiusura dello stabilimento abruzzese mettendo a rischio 84 posti di lavoro.

Intanto il candidato sindaco ha presentato gli altri 4 candidati della Lega.

Soddisfatto il sindaco di Fossacesia che per anni ha lottato, insieme ai colleghi di Santa Maria Imbaro e Mozzagrogna, in nome della sicurezza di questa arteria da sempre molto trafficata.

Convocata anche l’Assemblea dei Sindaci per l’avvio di gruppi di lavoro.