Venerdì 18 Ottobre 2019

Politica

Gabriele Di Bucchianico critico sul DUP 2020-2022 Provinciale

05/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Gabriele Di Bucchianico critico sul DUP 2020-2022 Provinciale

"Ci saremmo aspettati una programmazione ampia e plurale, ed una progettualità più intelligente ed ambiziosa"

Il DUP arrivato, in Consiglio Provinciale il 3 ottobre scorso, è giunto completamente vuoto, privo di contenuti, mancava perfino una relazione politica che avrebbe dovuto fare il Presidente o qualche suo consigliere delegato. Assolutamente il nulla - Così il consigliere Provinciale di Chieti, Gabriele Di Bucchianico in una nota - "Un DUP che fotografa il precario stato di salute di una maggioranza senza idee ne prospettive. Una maggioranza muta: nemmeno una parola in Consiglio Provinciale da nessun esponente della maggioranza Pupillo. Il Documento Unico di Programmazione (DUP) rappresenta il principale strumento di pianificazione, strategica ed operativa. Il contenuto di questo elaborato individua la capacità o la incapacità politica di una amministrazione di agire in base a comportamenti chiari ed evidenti. Come minoranza - continua Di Bucchianico - ci saremmo aspettati una programmazione ampia e plurale, ed una progettualità più intelligente ed ambiziosa. La Provincia può svolgere un servizio assolutamente prezioso per i Comuni, deve avere però la capacità di mettere in campo una “CASA DEI COMUNI” dove si possa offrire servizi a convenzione. Uno dei servizi che riteniamo strategici è la CUC. La CUC ( Centrale Unica di Committenza) è finalizzata ad ottimizzare le procedure di gara e programmare centralmente acquisti e lavori anche nell’ottica delle economie di scala, razionalizzando le risorse umane, strumentali ed economiche a disposizione. La Provincia svolgerebbe il ruolo di Centrale di Committenza per i Comuni. La CUC è dunque un’amministrazione che aggiudica appalti pubblici e concessioni, conclude accordi quadro di lavori, forniture o servizi destinati ad altri enti aggiudicatori. Purtroppo, dal Presidente Pupillo e dalla sua maggioranza, nessun segnale di vita, nessuna idea, nessuna progettualità . Nessuna risposta ."- Conclude Il consigliere Provinciale Gabriele Di Bucchianico. 

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di Chieti

Potrebbero interessarti

“Il Tribunale di Lanciano deve rimanere a pieno titolo, come fatto fino ad ora, nella partita di deroga alla chiusura dei presidi della giustizia sui territori. Lo dobbiamo fare insieme a Vasto, portando avanti il progetto di specializzazione dei presidi, lo dobbiamo fare nella intesa tra le avvocature e tra le amministrazioni comunali”

“La battaglia per salvare il tribunale di Lanciano si deve muovere sul piano tecnico e su quello politico, non basta dire laconicamente che c’è un progetto per un tribunale unico di Lanciano e Vasto dislocato nei due territori, bisogna andare preparati il prossimo 21 ottobre all’incontro con la commissione ministeriale, ma questa amministrazione ancora una volta dà dimostrazione di approfondire poco e malamente il problema e di non avere una visione univoca interna”.

"Abbiamo assistito a una vera e propria gara tra Lega e Fratelli d'Italia a chi manifestava il voto più di estrema destra oggi in Consiglio regionale, spacciandolo per attenzione alle norme di sicurezza", così il Capogruppo Silvio Paolucci e i Consiglieri del Gruppo Pd Antonio Blasioli e Dino Pepe, sull'approvazione delle modifiche alla legge regionale n.96/1996 che regola la gestione e l'assegnazione delle case popolari in Abruzzo.

E' stata approvata a maggioranza la legge di iniziativa della giunta regionale che modifica le norme per l'assegnazione e la gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e per la determinazione dei relativi canoni di locazione.