Lunedì 10 Agosto 2020

Politica

Fondovalle Sangro: Febbo e Di Stefano, da Regione zero fatti

29/04/2016 - Redazione AbruzzoinVideo

29 aprile 2016. Preoccupazione per i ritardi nel completamento della Fondovalle Sangro, ma anche per la possibilità che siano andati perduti i fondi, 70 milioni di euro, sono stati espressi, in un incontro con i giornalisti, a Lanciano, dagli esponenti di Forza Italia Fabrizio Di Stefano e Mauro Febbo che hanno annunciato un'interrogazione parlamentare sul finanziamento concesso. "Il ripetuto annuncio del bando di gara della fondovalle SS 652 è tutta una presa in giro - ha detto Di Stefano -. Nella Regione facile e veloce di D'Alfonso come per il gioco dell'oca si riparte dal Comitato Via. La Fondovalle Sangro, come stabilito dall'articolo 3 del Decreto Legge 133 del 12 settembre 2014, doveva essere cantierabile per il 31 agosto 2015. La Commissione VIA regionale si è espressa con parere del 12 febbraio 2015 sul progetto Anas dopo l'intesa tra Regione e Governo (6 ottobre 2015). Nel Masterplan fu anche annunciata la pubblicazione del bando di gara da parte del Presidente D'Alfonso per il 31 ottobre 2015, ora abbondantemente superato".

Di Stefano e Febbo hanno poi spiegato che il 5 aprile 2016 l'Anas ha depositato un nuovo progetto al Via regionale che rimarrà in pubblicazione per 45 giorni. Successivamente si dovrà di nuovo esprimere la Commissione, e quindi, raggiungere una nuova intesa tra Regione e Ministero e poi la Conferenza dei Servizi per l'acquisizione dei pareri (Paesaggio, archeologico, autorità di bacino, comuni, usi civici). "A questo punto - aggiunge Di Stefano - alcune considerazioni: non era stato promesso anche a Marchionne, quando in pompa manga fu ricevuto in Val di Sangro, che quest' opera, ritenuta fondamentale dal Presidente della Fiat, sarebbe stata realizzata in tempi rapidissimi? Per quale motivo, mentre annunciava che l'appalto sarebbe stato espletato entro il 31 marzo scorso lo inseriva nel Masterplan con previsione 2017? Mentiva sapendo di mentire? Prendiamo per vero quanto detto dall' Anas al Presidente Febbo in Commissione di Vigilanza e cioè che l'opera non sarà appaltata prima del 2018. Chiederemo anche con interrogazione Parlamentare se il finanziamento concesso con lo SbloccaItalia è ancora a disposizione della Regione Abruzzo". "Registriamo infine che, se togliamo anche questa opera per il territorio frentano, per il Presidente D'Alfonso Lanciano e circondario non esistono nel Masterplan. Eppure in tante occasioni egli stesso e i suoi fedelissimi si erano riempiti la bocca parlando di collegamenti veloci tra Lanciano e il casello autostradale e tra il capoluogo e la Fondovalle Sangro. Solo chiacchiere, zero fatti" hanno concluso i due esponenti di Fi.

 

 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Paolo Bomba, Gabriele Di Bucchianico e Roberto Gargarella attaccano il sindaco: “La sua è mera propaganda politica”

Una ciclopedonale da realizzare sull'ex tracciato ferroviario della Sangritana, per un tratto di 7.2 km che va dalla zona artigianale di Villa Martelli fino a contrada Torre Marino attraversando tutto il centro di Lanciano, da collegare alle piste ciclopedonali del quartiere Santa Rita e di via del Mare.

"La Giunta Marsilio ha impresso un'accelerazione dei lavori del terminal bus "Francesco Paolo Memmo" che,oggi,sono stati affidati alla ditta realizzatrice;un segno tangibile che certifica un particolare riguardo per il territorio frentano.

Il coordinatore cittadino Memmo: Non c'è chiarezza rispetto allo stato reale dei lavori.