Marted 02 Marzo 2021

Politica

Elezioni amministrative, Ballottaggio a Chieti e Avezzano

23/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Elezioni amministrative, Ballottaggio a Chieti e Avezzano

A Chieti la sfida sarà tra il candidato del centrodestra di Stefano e il candidato scelto dal centrosinistra Ferrara, mentre ad Avezzano si contenderanno la poltrona di primo cittadino Di Pangrazio, sostenuto da 8 liste civiche ed il candidato della Lega Genovesi.

Bisognerà attendere ancora per scoprire chi sarà il prossimo candidato sindaco ai Comuni di Chieti ed Avezzano,i due centri più importanti al voto in Abruzzo in questa tornata elettorale. Si andrà al ballottaggio il 4 e 5 ottobre dunque nel capoluogo teatino dove il candidato sindaco del centrodestra, l'ex parlamentare di Fi e Pdl, ora alla Lega, Fabrizio Di Stefano, sostenuto da Lega, Fdi, Udc, Giustizia sociale, Idea Abruzzo e Popolo della Famiglia, ha ottenuto il 38,8%; e si sfiderà al ballottaggio con il il candidato del centrosinistra, il medico Diego Ferrara, sostenuto da Pd, Ferrara sindaco, Chieti per Chieti, la sinistra con Diego, che ha ottenuto una percentuale dei consensi pari al 20,34%. Il candidato sindaco del centrodestra Di Stefano ha detto ieri a caldo : 'Il ballottaggio è una eventualità che al di là dei proclami avevamo messo in conto. ha detto ieri aggiungendo - io credo che gli apparentamenti fatti negli ultimi 15 giorni sono apparentamenti di poltrone e non di progetto politico. - dice ancora Di Stefano - È mia volontà parlare a tutta la città e convincere tutta la città della bontà del mio progetto, parlerò anche a quella parte della città che ha votato i candidati che non sono arrivati al ballottaggio, ma anche a quelli che hanno scelto al primo turno Ferrara, per convincerli che al di là della contrapposizione ideologica, che mi favorirebbe perchè Chieti è a maggioranza di centro destra, vorrei che la città capisse la bontà del mio progetto politico''. Il candidato del centrosinistra Diego Ferrara si dice incredulo per il risultato ottenuto: "Sono partito svantaggiato temporalmente parlando, perchè siamo scesi in campo tardivamente, e poi per lo strappo fatto da una buona parte del Pd nei miei confronti. Prima forse mi conoscevano solo i miei pazienti, poi con piacere ho visto coagularsi un tessuto connettivo di centrosinistra che mi ha fatto capire che l'assioma Chieti città di destra non è vero''. Quanto ad eventuali alleanze, Ferrara non si è voluto sbilanciare: ''Deciderà la coalizione e io democraticamente mi atterrò a quello che la coalizione deciderà di fare. Personalmente per motivi etici e deontologici non sono chiuso a nessuno, non sono ostativo, però esistono delle personalità negli altri schieramenti che non sono digeribili da tutti''. Nel capoluogo teatino sono scesi in campo per sostituire il sindaco uscente del centrodestra, Di Primio, cinque candidati con 19 le liste. Oltre a Di Stefano e Ferrara, il M5S ha scelto Luca Amicone e poi Paolo De Cesare, appoggiato dalle liste Azione politica, Chi ama Chieti, Chieti c’è, La Teatinità. Infine il candiato Bruno Di Iorio, sostenuto da Azione democratica, Bruno Di Iorio sindaco di Chieti, Chieti viva e Forza Chieti.

Ad Avezzano su 40 sezioni su 48, il candidato civico Giovanni Di Pangrazio, ex sindaco, sostenuto da otto liste civiche, ha ottenuto il 32,7% e si sfiderà al Ballottaggio con il candidato di Lega Fdi Udc e Cambiamo il Futuro, Tiziano Genovesi,che ha ottenuto il 32,2% dei consensi. Ad Avezzano sono scesi in campo per la poltrona di sindaco 6 candidati. Oltre a Di Pangrazio e Genovesi hanno partecipato alla competizione elettorale il candidato per il centrosinistra Mario Babbo, Anna Maria Taccone per il centrodestra e con liste civiche Antonio del Boccio e Nicola Stornelli. Alle amministrative 2020 in Abruzzo il centrodestra ha corso diviso per la scelta di Fi di gareggiare da solo e di non sostenere i candidati della coalizione. Una spaccatura che ha certo inciso sul risultato elettorale e sul ricorso al ballottaggio.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Si coprirebbe quasi un terzo della popolazione scolastica delle scuole medie superiori con notevoli benefici circa la prevenzione di focolai".

Il presidente della Regione: Il Partito Democratico si astenga dalle strumentalizzazioni e dal dare lezioni che non si può permettere di impartire.

in una nota il capogruppo di FdI, Guerino Testa e il segretario regionale del partito, Etelwardo Sigismondi sottolineano: Oltre a quello sanitario occorre un vero e proprio vaccino economico, una iniezione poderosa per garantire protezione a imprese e lavoratori

L'ex parlamentare, Deputato Dc per tre legislature, dal 1976 al 1987, è scomparso ieri, aveva 84 anni.