Lunedì 21 Ottobre 2019

Politica

DINO PEPE INTERPELLANZA SU EMERGENZA CINGHIALI

20/06/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

 "L'Assessore Imprudente ha confermato che il Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca, dallo scorso febbraio, ha sollecitato più volte la Provincia di Teramo per chiedere il motivo dell'interruzione dell'attività di controllo dei cinghiali". Ha dichiarato il consigliere e vicecapogruppo del PD Dino Pepe che ha poi aggiunto: "E' stata una risposta assolutamente incompleta e poco esaustiva quella dell'Assessore regionale alla Caccia, alla mia interpellanza, in Consiglio Regionale, nella quale ho chiesto lumi sull'azione di controllo e contrasto dei cinghiali su tutto il territorio regionale, in particolare in provincia di Teramo dove questa attività risulta sospesa da mesi senza alcune spiegazione plausibile" Dallo scorso mese di marzo infatti, la Polizia Provinciale di Teramo ha sospeso ogni attività di controllo dei cinghiali, malgrado ci sia ancora in vigore una deliberazione della Giunta Regionale (nella quale Pepe era Assessore con delega proprio alla Caccia e all'Agricoltura), che prevedeva una lotta serrata al cinghiale nelle aree più sensibili. "Addirittura dalla risposta scritta che mi è stata consegnata  risulta che, già dallo scorso mese di febbraio, ed a seguire nei mesi successivi con diverse missive e sollecitazioni, il Dipartimento Politiche dello Sviluppo Rurale e della Pesca ha scritto alla Provincia di Teramo per chiedere spiegazione di tale sospensione nell'attività di contrasto e di controllo, venendo a conoscenza del fatto che, tale decisione, era stata presa dal Presidente della Provincia – prosegue Pepe - che sottolinea come, dal 2016, la Provincia è incompetente in materia di caccia e controllo rendendo l'atto del Presidente, Diego Di Bonaventura, del tutto incomprensibile – a questo punto mi domando perché questi abbia scelto, arbitrariamente, di sospendere tale attività malgrado vi sia ancora in vigore una deliberazione dell'ex Giunta Regionale, ma soprattutto perché la Regione Abruzzo e l'Assessore Imprudente non abbiano preso alcun provvedimento contro questa scelta che contravviene con quanto deliberato in materia". "Quella dei cinghiali è una emergenza regionale e nazionale che va contrastata con tutti gli strumenti previsti dalla legge – continua il Consigliere Regionale del Pd – nelle altre province abruzzesi l'azione di controllo e contrasto intrapresa in questi anni dalla precedente Giunta ha cominciato a dare i suoi frutti, a Teramo invece si è scelto di sospenderla senza dei reali motivi. L'auspicio è quindi che il Governo regionale intervenga, al più presto, presso la Provincia di Teramo chiedendo il rispetto della delibera ancora in vigore. Questo è quanto ci chiedono gli agricoltori e gli amministratori dell'entroterra - ha concluso Pepe - visti anche i numerosi danni che i cinghiali stanno causando su tutto il territorio teramano sia al comparto agricolo che alla collettività, oltre agli incidenti stradali provocati ed un crescente allarme sociale".

(ACRA) 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Conferenza stampa stamani a Pescara, nella sede di piazza Unione in Regione, per la presentazione del progetto di legge a tutela dei coniugi separati o divorziati, in condizione di disagio, in particolare con figli minori

“Il Tribunale di Lanciano deve rimanere a pieno titolo, come fatto fino ad ora, nella partita di deroga alla chiusura dei presidi della giustizia sui territori. Lo dobbiamo fare insieme a Vasto, portando avanti il progetto di specializzazione dei presidi, lo dobbiamo fare nella intesa tra le avvocature e tra le amministrazioni comunali”

“La battaglia per salvare il tribunale di Lanciano si deve muovere sul piano tecnico e su quello politico, non basta dire laconicamente che c’è un progetto per un tribunale unico di Lanciano e Vasto dislocato nei due territori, bisogna andare preparati il prossimo 21 ottobre all’incontro con la commissione ministeriale, ma questa amministrazione ancora una volta dà dimostrazione di approfondire poco e malamente il problema e di non avere una visione univoca interna”.

"Abbiamo assistito a una vera e propria gara tra Lega e Fratelli d'Italia a chi manifestava il voto più di estrema destra oggi in Consiglio regionale, spacciandolo per attenzione alle norme di sicurezza", così il Capogruppo Silvio Paolucci e i Consiglieri del Gruppo Pd Antonio Blasioli e Dino Pepe, sull'approvazione delle modifiche alla legge regionale n.96/1996 che regola la gestione e l'assegnazione delle case popolari in Abruzzo.