Lunedì 13 Luglio 2020

Politica

Coronavirus, Pettinari (M5S): le periferie di Pescara stanno diventando bombe sociali

02/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, Pettinari (M5S): le periferie di Pescara stanno diventando bombe sociali

Il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle sollecita l'intervento di chi governa Regione e città: "Si stanno verificando atti criminosi sempre più frequenti"

Sono sempre più a rischio le periferie di Pescara dove chi delinque, probabilmente sfruttando la disattenzione dell’opinione pubblica concentrata sull’emergenza da Coronavirus, sta alzando l’asticella degli atti criminosi. Domenico Pettinari del M5S questa mattina, in una conferenza stampa tenutasi sotto il Palazzo del Consiglio regionale di Piazza Unione, ha incontrato la stampa per denunciare situazioni estreme che si stanno verificando nelle zone di Via Rigopiano, San Donato, Fontanelle e Rancitelli. “In via Rigopiano – spiega Pettinari – alla fine di marzo la situazione sembrava risolta. A seguito degli sfratti di alcuni occupanti abusivi, che abbiamo chiesto per anni, il quartiere stava vivendo in pace. Una pace durata poco, però, poiché con le nuove assegnazioni è arrivata nel quartiere una famiglia di spacciatori che ha fatto ripiombare la situazione nel caos. Dalle ore 23:00 fino a tarda notte i residenti lamentano musica a tutto volume e via vai di tossico dipendenti che creano anche assembramenti, senza alcuna protezione o precauzione. Purtroppo questo accade poiché la legge regionale, nonostante le mie numerose richieste di modifica, permette ancora l’assegnazione di appartamenti anche a chi è pregiudicato, inibendola solo a chi ha una condanna in 3 grado”. “A Fontanelle – continua Pettinari – lo spaccio non si è mai fermato. Sono decide e decine le segnalazioni di assembramenti sotto i palazzi di persone senza protezione, in attesa di poter salire negli appartamenti dei “mercanti di morte” per comprarsi una dose. Questi assembramenti costringono i cittadini residenti che tornano casa, magari dalla spesa, ad attendere che i delinquenti finiscano i propri comodi per rientrare senza entrarvi in contatto. Ma la situazione più grave, ancora una volta, la dobbiamo registrare al Ferro di Cavallo. L’emergenza da Coronavirus non ha impedito alle famiglie di pregiudicati, che probabilmente detengono il potere nel quartiere, di organizzare feste popolari addirittura con fuochi d’artificio. Negli ultimi giorni almeno 4 volte sono stati sentiti i “fuochi”, che a quanto pare si sparano per segnalare l’arrivo di una grande partita di droga o quando un componente di famiglia torna a casa dopo un periodo di detenzione nel carcere. Non sono mancate risse feroci, di alcune si sono anche viste anche testimonianze video sui socialnetwork e sulla stampa on line. Una dimostrazione di come non si rispettino le regole imposte per la quarantena e soprattutto, non ci sia alcun rispetto del convivere civile. In questo quartiere, dove insiste un’enorme quantità di denaro liquido probabilmente proveniente dallo spaccio, il fenomeno dell’usura sembra essere all’ordine del giorno. Ma, in momento come questo, in cui le difficoltà economiche sono sentite da tutti i cittadini, il fenomeno criminoso potrebbe diventare una vera e propria bomba sociale pronta ad esplodere. Tossici che si rivolgo agli spacciatori per avere dosi a credito, prostitute tossicodipendenti, che in mancanza di clienti chiedono soldi in prestito agli stessi spacciatori e situazioni a limite di ogni genere che per via dell’usura dilagante potrebbero sfociare in un bagno di sangue. Davanti a tutto questo chi ha la competenza per agire non si può girare dall’altra parte. Chi è alla guida della Città e della Regione, in quanto proprietaria delle case Ater, ha l’obbligo di intervenire procedendo allo sfratto degli occupanti abusivi e liberando le case che sono state rioccupate dopo lo sfratto. Chiediamo altresì presidi fissi delle Forze dell’Ordine in queste zone a rischio” conclude esponente pentastellato.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Di Stefano: "Sono dispiaciuto ma sono convinto che a breve riprenderemo questo percorso insieme"

Il corso, unico nel suo genere nel panorama accademico nazionale, presenta un piano di studi altamente professionalizzante con lo scopo di formare figure professionali esperte.

Il sottosegretario alla Presidenza Giunta regionale: Sanato il disservizio che persisteva da tempo.