Mercoledì 27 Gennaio 2021

Politica

Coronavirus, i vertici della Regione incontrano i rappresentanti del settore ristorazione

08/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, i vertici della Regione incontrano i rappresentanti del settore ristorazione

Circa 10mila le imprese abruzzesi che operano nel campo della ristorazione e sono state messe in ginocchio dalle misure di contenimento anticovid.

I rappresentanti del settore della ristorazione hanno incontrato questa mattina i vertici della Regione Abruzzo per affrontare la crisi del comparto. Il tavolo di lavoro, costituito in forma permanente, si è tenuto nella sede di Pescara della Regione, in Piazza Unione, alla presenza del Presidente Marco Marsilio, del Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri, del Sottosegretario Umberto D'Annuntiis e degli Assessori Daniele D'Amario (attività produttive) e Pietro Quaresimale (lavoro). Presenti anche i capigruppo di maggioranza. Secondo i dati diffusi da Confcommercio e Confesercenti sono circa 10mila le imprese regionali che operano nel campo della ristorazione e che sono state messe in ginocchio dalle misure di contenimento del Coronavirus. Le associazioni di categoria chiedono interventi mirati per ripartire.

 

«E' necessario fornire risposte tempestive al settore - ha esordito il Presidente Marco Marsilio -. Il tema dei ristori è stato sempre il principale terreno di tensione tra Governo e Regioni: più volte abbiamo chiesto di garantire un "paracadute economico e sociale" che potesse ammortizzare le misure di restrizione attuate per bloccare la diffusione del virus; dobbiamo evitare di trasformare questa vicenda in una guerra tra poveri. Non possiamo condannare al fallimento le imprese. Il Governo - ha incalzato ancora Marsilio - dia un colpo di reni, metta in campo più risorse affinché l'economia regga, e questo - ha osservato - ci metterà nella condizione di affrontare la questione sanitaria con più serenità". Il presidente Marsilio ha annunciato, infine, nuove risorse con la prossima programmazione europea 21-27: "Avremo più risorse rispetto alla precedente programmazione europea, a breve - ha concluso il Presidente della Regione - il Governo chiuderà l'accordo di partenariato generale, noi siamo già pronti per avviare la nuova programmazione con interventi concreti a favore della nostra regione".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dopo le dure proteste del presidente della Regione Abruzzo la terza corsia autostradale sarà inserita nella programmazione a partire da questo quinquennio e non dal prossimo.

Dopo il dialogo ed il confronto che ha portato alla ricomposizione della Giunta i coordinatori regionali dei partiti di centrodestra intervengono riconoscendo la qualità amministrativa messa in campo in questi anni di governo della città.

Il segretario regionale dell'Udc interviene dopo la notizia che la concessionaria autostradale ha deciso di aggiornare ogni decisione fra cinque anni per la terza corsia nel tratto Marche-Puglia dell' A14.

Da Marco Marsilio, Presidente della Regione Abruzzo e Coordinatore della Intesa per lo Sviluppo del Corridoio Adriatico, arriva un secco no al nuovo piano industriale di Autostrade per l’Italia S.p.A.