Sabato 27 Febbraio 2021

Politica

Coronavirus, Cordisco: “Marsilio metta in sicurezza la salute degli abruzzesi e lavori per far tornare l’Abruzzo in zona gialla prima di Natale

14/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, Cordisco: “Marsilio metta in sicurezza la salute degli abruzzesi e lavori per far tornare l’Abruzzo in zona gialla prima di Natale

Il Segretario del Pd Provinciale di Chieti sottolinea che "solo se si mette in sicurezza la salute degli abruzzesi si può aiutare l'economia locale."

"Messa da parte la "pessima" figura a danno degli abruzzesi e delle attività commerciali a seguito dell'ordinanza n. 106, chiaramente illegittima come stabilito anche dal Tar Abruzzo, il presidente della Regione, Marco Marsilio, accantoni ora le comparsate in tv e rimetta al centro dell'agenda politica la salute degli abruzzesi e l'economia della Regione." Così in una nota Gianni Cordisco, Segretario del Pd Provinciale di Chieti. "Invece di continuare ad alimentare polemiche, addossando la responsabilità del ritorno in zona rossa per un sol giorno al Governo, Marsilio dovrebbe ora iniziare a lavorare affinché vengano riconosciuti i 4 giorni di anticipo voluti dalla giunta senza calendario, per far sì che l'Abruzzo torni in zona gialla come tutte le altre regioni prima di Natale.- continua Cordisco - Inoltre, al netto dei fondi per le "zone rosse" del primo lockdown, dei ristori per le imprese e per le Partite Iva e dei vaccini antinfluenzali fermi ancora "al palo" a causa delle lentezza governativa della giunta regionale a guida centrodestra che in questi mesi si è concentrata solo sull'erogazione degli oltre 12 milioni di euro per il Napoli Calcio, è bene che Marsilio inizi ad utilizzare anche i 108 milioni di euro stanziati dal Governo Conte e destinati alla sanità abruzzese".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Intervengono la Segretaria locale del partito e il Presidente del Consiglio Comunale Leo Marongiu.

Si è svolto nella serata di giovedì un incontro provinciale dei segretari dei circoli democratici attivi nei comuni che saranno chiamati al voto nella prossima tornata elettorale amministrativa.

Le somme rimodulate dalla Giunta regionale, pari ad 1,3 Mln di euro quale quota parte della Regione per la realizzazione dell'infrastruttura, hanno permesso di dare finalmente luce alla tanto attesa infrastruttura secondo un cronoprogramma ben dettagliato con termine per collaudo e messa in esercizio previsto per la fine del 2023.