Domenica 09 Maggio 2021

Politica

Coronavirus, cassa integrazione, Paolucci “La Giunta lenta si svegli!

10/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus, cassa integrazione, Paolucci  “La Giunta lenta si svegli!

Il capogruppo Pd alla Regione: "Processate le domande, ora serve l’accordo con le banche”

“Senza accordo con gli istituti di credito i lavoratori dovranno aspettare ancora alcune settimane per avere la cassa integrazione in deroga. La Giunta lenta si svegli! Se grazie alla nostra ennesima denuncia la Giunta lenta ha accelerato e processato oltre l’80 per cento delle domande, ora deve parlare con le banche e agevolare gli accrediti”, sottolinea il capogruppo PD Silvio Paolucci. “Il fatto che l’esecutivo abbia reagito, ha dato ragione alla nostra denuncia circa il gravissimo ritardo con cui l’assessore della Lega aveva accumulato sugli atti propedeutici alla concessione della misura – sottolinea l’ex assessore regionale al Bilancio – E’ scandaloso quello a cui abbiamo assistito in queste settimane di attesa: in un momento di così grande emergenza sanitaria, di così grave disagio economico e sociale il governo regionale a trazione Lega ha lasciato senza risorse migliaia di famiglie e lavoratori in questa regione. L’accelerazione che ora annunciano ci conforta, ma non basta perché senza accordo con gli Istituti di credito i lavoratori e famiglie dovranno attenderà conta giorni. Pertanto si rafforza la nostra mobilitazione finché anche l’ultimo lavoratore che ne ha diritto si vedrà accreditata la cassa integrazione in deroga. Non si gioca con i redditi delle famiglie nel momento del bisogno, non si usa la pelle di migliaia di lavoratori per fare propaganda politica e promesse che non si è in grado di mantenere”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La Lega ufficializza la candidatura di Danilo Ranieri come candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative

Importante riconoscimento per l’Abruzzo e per il presidente Marco Marsilio nell’ambito della Conferenza delle Regioni.

Testa, Quaglieri e D’Annuntiis “nelle more della revisione governativa, posticipare alle 24. Obiettivo abolizione”.

Subito disponibili i fondi per Aree di risulta, Parco Nord e Museo del Mare