Lunedì 19 Aprile 2021

Politica

Coronavirus,, Di Nardo: il sindaco di Ortona chiuda tutte le scuole

13/02/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Coronavirus,, Di Nardo: il sindaco di Ortona chiuda tutte le scuole

L'apertura delle scuole un pericoloso veicolo di contagio

“Alla luce della nuova preoccupante recrudescenza dei contagi, nell’ambito dell’emergenza Covid-19, invito il sindaco Leo Castiglione a disporre, con tempestività ed immediatezza, anche la chiusura delle scuole dell’infanzia, delle scuole elementari e delle prime medie”. Così Angelo Di Nardo, capogruppo in Consiglio comunale di Fratelli d’Italia, Lega e Libertà e Bene Comune per Ortona, sulla scia dell’ordinanza emessa dal presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, che dispone l'attivazione della didattica a distanza, per i prossimi 14 giorni, nelle scuole secondarie di secondo grado su tutto il territorio abruzzese.

“Già nei mesi scorsi avevamo segnalato come l’apertura delle scuole, in momenti di particolare criticità quale quello attuale, rappresentasse un pericoloso veicolo per la diffusione del virus – prosegue Di Nardo – e adesso anche il Gruppo tecnico scientifico regionale, come evidenziato dal presidente Marsilio nel suo provvedimento, sottolinea l'alto impatto prodotto, sul riacutizzarsi della circolazione del virus, dall'aumentata mobilità dovuta alla riapertura delle scuole e da comportamenti che non garantiscono il corretto distanziamento sociale".

Di Nardo invita dunque il sindaco Castiglione “ad attivarsi con rapidità ed efficacia, per mettere al sicuro tutti gli studenti, che altrimenti rischiano di essere trasformati in inconsapevoli agenti del contagio, mettendo a repentaglio la loro salute e quella dei loro familiari, in alcuni casi persone fragili e dunque più esposte alle conseguenze nefaste del Covid-19”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La progettazione del piano di San Donato affidata allo Studio di ingegneria Bona di Lanciano per un importo di 16mila e 892 euro, quello dei Ripari di Giobbe all’architetto Claudio Angelucci per un importo di 15mila e 513 euro.

“Ancora una volta sono le Regioni a fare da sprone e a fornire al Governo e al Paese gli strumenti per ripartire e mettere in moto l’economia, che rappresenta la seconda grave crisi dopo quella sanitaria.”

Il progetto, partito nel 2019, ha l’obiettivo di ridurre i rifiuti in mare attraverso azioni specifiche che i pescatori possono mettere in atto mediante la normale attività di pesca.

Casanova, Viviani, D’Eramo: “Evitiamo la morte di centinaia di imprese. Abruzzo allo stremo"