Domenica 05 Luglio 2020

Politica

Conferenza Stato Regioni, Marsilio: “approvato importante accordo per evitare tagli sul sociale”

10/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

“Le Regioni hanno oggi ottenuto garanzie dal Governo di non tagliare le risorse che riguardano i fondi per il sociale e per la sanità, che vedrà anzi incrementato di due miliardi il fondo nazionale per l’edilizia sanitaria.”.

Lo ha riferito il Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, al termine dei lavori della Conferenza Stato Regioni che è tornata a riunirsi oggi a Roma. Marsilio ha anticipato anche che “secondo l’importante accordo approvato oggi, verrano inoltre confermati i fondi per il trasporto pubblico locale, che negli anni recenti aveva subito una progressiva erosione costringendo molte Regioni e molti Comuni a diminuire la qualità dei servizi ai cittadini, costretti a usufruire di mezzi obsoleti e meno chilometri di linea serviti. Ci attendiamo ora - conclude Marsilio - che il Governo, all’interno della manovra finanziaria del prossimo triennio, voglia rispettare gli accordi sottoscritti oggi, dando copertura concreta con fondi certi, in modo che le Regioni possano finalmente tornare a programmare le attività senza più incertezze e senza dover rischiare di dove accendere nuovi debiti o tagliare i servizi ai cittadini.” (REGFLASH)

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

L'assessore regionale Campitelli ha focalizzato sugli importanti progetti inseriti ed approvati nel Piano regionale delle infrastrutture strategiche che riguardano la provincia di Chieti. Il segretario regionale D'Eramo si è soffermato sulla legge salva tribunali minori ma ha toccato anche il tema elezioni amministrative.

Febbo: avanti con il cronoprogramma stabilito.Lo stabilimento frentano diventerà luogo di riferimento all'interno della strategia aziendale.

L'ex attaccante neroverde questa volta scende in campo in politica. Di Stefano: "Con lui questa amministrazione sarà in grado di promuovere lo sport teatino”.

La capogruppo del M5s in consiglio regionale e componente della Commissione sottolinea: "Forse hanno paura delle nostre domande".