Lunedì 25 Maggio 2020

Politica

Blasioli interviene su Fosso grande che divide Pescara e Montesilvano

12/09/2019 - Redazione AbruzzoinVideo

"La Regione Abruzzo deve intervenire quanto prima su Fosso Grande e occuparsi della sua manutenzione ordinaria, per evitare che, con l'arrivo della stagione invernale, le famiglie che abitano vicino al fiume Pescara possano subire danni alle loro abitazioni e alle loro attività".

Ad afferarlo è il Consigliere regionale del Pd Antonio Blasioli. "Fosso Grande, uno dei principali canali di deflusso della nostra città, che divide il Comune di Pescara dal Comune di Spoltore, versa in stato di degrado e abbandono – continua Blasioli - Scorgendosi dal nuovo ponte ciclopedonale che costeggia il fosso è possibile vedere con chiarezza una distesa di alberi, canne che sfiorano i fili della corrente elettrica, erba e rifiuti abbandonati. Lo scorso 10 luglio, quando ci fu quella terribile grandinata, l'esondazione di fosso Grande ha seminato danni su danni, a Spoltore e a Pescara, in particolare alle abitazioni a ridosso di via del Circuito e Villa Raspa. Eppure, ricordo che la passata giunta regionale di centrosinistra, nel 2015, ha stanziato 280mila euro per la ricostruzione delle gabbionature, indispensabili alla messa in sicurezza e alla tenuta delle sponde del Fosso e ad evitare straripamenti del canale. Da un anno a questa parte, però, l'area è diventata ricettacolo di degrado - conclude il Consigliere del Pd - e questo vanifica, di fatto, il lavoro portato avanti dall'amministrazione D'Alfonso. Per questo chiedo al governatore Marsilio di intervenire quanto prima, anche per evitare che decine di famiglie pescaresi subiscano i danni già subiti in passato e per i quali attendono ancora il riconoscimento e, a seguire, i risarcimenti".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il Presidente Marsilio presenta le nuove misure introdotte dalla L.R.118 /20 approvata ieri in Consiglio.

Il sindaco ringrazia Francesca Caporale per quanto fatto per la città in questi anni con dedizione e competenza

All'origine della decisione problemi personali. Una notizia davvero inaspettata.In una lettera l'assessore saluta la città e ringrazia tutti.

Di Giuseppantonio: non è pensabile accollare alle famiglie anche il peso del costo di un servizio di cui non hanno usufruito