Lunedì 19 Aprile 2021

Politica

Ascensore fuori servizio alla stazione di Lanciano,Taglieri: "Inaccettabile"

26/05/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ascensore fuori servizio alla stazione di Lanciano,Taglieri: "Inaccettabile"

Il consigliere regionale pentastellato chiede l'intervento del sottosegretario De Annuntiis

"L'ascensore fuori servizio nella stazione di Lanciano crea un enorme disagio ai cittadini che per motivi di salute non possono scendere ai binari in altro modo, ma anche a tutti quei pendolari che devono portare bagagli o borsoni per esigenze di lavoro. Un disservizio che investe tutti, insomma, e che si protrae da mesi." Così il Consigliere regionale del M5S Francesco Taglieri. "A seguito delle numerose denunce dal territorio mi sono interessato, già negli scorsi mesi, alla vicenda e ho scoperto che a causa di danni tecnici sono stati eseguiti numerosi interventi. L'ultimo, in ordine di tempo, non più indietro del mese di febbraio, quando andai personalmente a verificare e sul posto fui rassicurato che i lavori messi in atto in quel momento avrebbero risolto il problema. - continua il consigliere pentastellato - Peccato che a distanza di pochi mesi, nonostante lo scarso utilizzo a seguito dell'emergenza covid, l'ascensore ha smesso nuovamente di funzionare creando i soliti disagi ai viaggiatori. Sarebbe interessante capire, tra costi di manutenzione e servizi non offerti ai cittadini, quanto sarebbe stato più utile comprare un nuovo elevatore piuttosto che mettere pezze a quello mal funzionante. Pertanto chiedo al Sottosegretario De Annuntiis, con delega ai trasporti di Regione Abruzzo, di intervenire per capire, anche tramite l'interessamento delle aziende che gestiscono il trasporto pubblico e la stazione, il reale stato del macchinario e di ripristinare il servizio valutando quale sia la formula migliore per risolvere questo problema una volta per tutte, tenendo ben presente il fattore di costo beneficio." Conclude il Consigliere regionale del M5S Francesco Taglieri.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

La progettazione del piano di San Donato affidata allo Studio di ingegneria Bona di Lanciano per un importo di 16mila e 892 euro, quello dei Ripari di Giobbe all’architetto Claudio Angelucci per un importo di 15mila e 513 euro.

“Ancora una volta sono le Regioni a fare da sprone e a fornire al Governo e al Paese gli strumenti per ripartire e mettere in moto l’economia, che rappresenta la seconda grave crisi dopo quella sanitaria.”

Il progetto, partito nel 2019, ha l’obiettivo di ridurre i rifiuti in mare attraverso azioni specifiche che i pescatori possono mettere in atto mediante la normale attività di pesca.

Casanova, Viviani, D’Eramo: “Evitiamo la morte di centinaia di imprese. Abruzzo allo stremo"