Giovedì 05 Agosto 2021

Eventi

Lanciano, Mo’ Better Band e Tony Esposito per Musica in Movimento 2021

21/07/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, Mo’ Better Band e Tony Esposito per Musica in Movimento 2021

Street music e sonorità partenopee in piazza Plebiscito 22 e 29 luglio.

La più classica delle street music e le tipiche sonorità partenopee saranno lo speciale menù dell’edizione 2021 di Musica in Movimento, rassegna dedicata alla World Music, organizzata dall’associazione Overtones, in collaborazione con l’assessorato alla Cultura del Comune di Lanciano e, quest’anno, anche con la Pro Loco frentana. Due appuntamenti e mezzo, 22 e 29 luglio, nei giovedì dedicati a Musica&Commercio, il festival allieterà le serate estive lancianesi in piazza Plebiscito con i concerti della Mo’ Better Band e di Tony Esposito.

“Visto il successo delle passate edizioni di questo fantastico festival dedicato alla world music, - dice il direttore artistico Walter Gaeta, anche durante il periodo di ristrettezze a causa del Covid, abbiamo deciso di proporre due date di altissimo profilo artistico per riportare la grande musica nel centro della città”. Giovedì 22 luglio, alle 22, la abruzzesissima Mo’ Better Band, dopo un giro tra le vie del centro alle 19, si esibirà in piazza Plebiscito con musiche che richiamano lo spirito funky degli anni ’70, terreno comune dei gusti musicali dei quindici musicisti che compongono il gruppo. Il riferimento allo stile però è solo un “punto di ritrovo” da cui le varie personalità della band danno vita alle loro composizioni. Queste, contaminate da mille influenze e cercando di superare gli argini dello stile, propongono ad ogni spettacolo una varietà di ritmi e di armonie, attraverso l’interpretazione musicale e fisica dei componenti della band. Sottolineando la musica con un contagioso coinvolgimento corporeo, la MBB cerca di rendere la sua prestazione non solo un evento musicale, ma anche uno spettacolo collettivo. La Mo’ Better Band è innanzitutto un’esperienza da vivere.

Giovedì 29 luglio, alle ore 22, sempre in piazza Plebiscito, sarà la volta di Tony Esposito ce il suo super gruppo formato da ben sei straordinari musicisti on un omaggio a Pino Daniele. La musica di Tony è ispirata a sonorità provenienti da molti Paesi del mondo, mescolate con ritmi tribali e melodie tipiche della musica partenopea. L'originalità del suo approccio si può ritrovare nell'invenzione di strumenti unici come il Tamborder, suono onomatopeico di uno dei suoi più famosi brani "Kalimba de Luna" di cui i Boney M. pubblicarono quasi contemporaneamente una cover in lingua inglese. Omaggio a Pino Daniele è un sentito viaggio fatto da Esposito (per anni al fianco, come amico e musicista, del cantante partenopeo) grazie alle sonorità provenienti da molti Paesi del mondo, mescolate con ritmi tribali e melodie tipiche della musica partenopea. La sua straordinaria band non vuole imitare o stravolgere, ma interpretare con autenticità la musica e il messaggio di Pino Daniele. Le sue canzoni, con le sue melodie, potranno tornare a vivere ed emozionare grazie all’omaggio sincero dell’amico Tony Esposito. Sul palco ci saranno quindi Tony Esposito, percussioni e voce, Lisa Bassotto, percussioni e voce, Lino Pariota, piano e voce, Massimo Di Matteo, chitarra e voce, Dario Rosciglione, contrabbasso e Matteo Di Rocco, batteria. I concerti sono gratuiti ma è necessario prenotare il proprio posto a sedere, ce ne sono 200 disponibili, al numero 339.8236718 o alla mail prolocolancianoparco@gmail.com .

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano Musica

Potrebbero interessarti

Entrano nel vivo i festeggiamenti in onore del Volto Santo con un interessante programma in cui si alterneranno momenti di preghiera, attività culturali e la solenne celebrazione eucaristica presieduta.

La giovane studentessa scomparsa nel sisma del 2009 all’Aquila

L’Estate Musicale Frentana celebra i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri.

Novità della serata è stata rappresentata dalla giuria dei ragazzi dell’Omnicomprensivo “Mattioli – D’Acquisto” di San Salvo chiamata a giudicare i libri