Marted 09 Marzo 2021

Eventi

I concerti di Simona Molinari (15 settembre) e Daniele Silvestri (16 settembre) si svolgeranno allo stadio Guido Biondi, invece che in piazza Plebiscito.

08/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
 I concerti di Simona Molinari (15 settembre) e Daniele Silvestri (16 settembre) si svolgeranno allo stadio Guido Biondi, invece che in piazza Plebiscito.

Una decisione, quella comunicata dal presidente del Comitato Feste Di Settembre 2020, Maurizio Trevisan, presa per rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza e ordine pubblico, sia rispetto all’Emergenza Covid 19 che alla Legge Gabrielli.

“L’avevamo anticipato in conferenza stampa – sottolinea Trevisan – che purtroppo quest’anno l’organizzazione è molto più complessa del solito e in continua evoluzione. Così, dopo un ulteriore confronto con l’amministrazione comunale e gli organi di controllo, abbiamo deciso di spostare i concerti di Daniele Silvestri e Simona Molinari allo stadio, dove riusciamo a garantire meglio il distanziamento, la sicurezza e l’ordine pubblico, soprattutto rispetto all’emergenza sanitaria”.

I biglietti già venduti per Silvestri sul circuito Ciaoticket (al costo di 10 euro + 1 euro di prevendita) restano validi anche per lo stadio, mentre a brevissimo saranno messi in vendita, sempre su Ciaoticket, i biglietti per la Molinari, al costo di 1 euro.

Lo spettacolo “Giovani Orizzonti Live Talent” del 13 settembre e il concerto di Paolo Mengoli del 14 si svolgeranno invece in piazza Pace, dove è maggiormente possibile garantire i corridoi e le uscite di sicurezza, oltre che il distanziamento.

Nei prossimi giorni seguiranno altre comunicazioni sugli altri aspetti legati al Settembre lancianese.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Premiate alcune figure femminili del territorio che si sono distinte in questo periodo segnato dall'emergenza Covid-19

"La Regione Abruzzo oggi onorerà e omaggerà le vittime ponendo a mezz’asta le proprie bandiere nel Palazzo dell’Emiciclo in cui campeggerà la luce del nostro tricolore".

In un territorio dove l’emergenza della povertà educativa minorile si somma alla pandemia e al sisma ancora presente, nasce un segno di speranza: bambini, ragazzi e adulti si uniscono in un’orchestra intergenerazionale.

Nonostante l'emergenza Covid è stato organizzato con gli studenti un bel momento di riflessione sui valori della pace e dell'inclusione