Lunedì 06 Febbraio 2023

Eventi

A L’Aquila il corso Europeo di Ricerca e Stabilizzazione del Travolto da Valanga, arrivati medici e infermieri da tutta Italia

19/02/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
A L’Aquila il corso Europeo di Ricerca e Stabilizzazione del Travolto da Valanga, arrivati medici e infermieri da tutta Italia

Si chiude domani pomeriggio alle 16, a L’Aquila il corso di “Ricerca e stabilizzazione del travolto da valanga”. L’evento, organizzato dal Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese per la prima volta nel 2006

Alla tre giorni che si sta svolgendo tra L’Aquila e Campo Imperatore, che sta ospitando delle esercitazioni pratiche, partecipano 36 tra medici e infermieri provenienti da tutta Italia, molti in servizio proprio presso le varie delegazioni regionali del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico. Mentre tra i relatori spiccano i massimi esperti del settore. Tra questi ci sono Igor Chiambretti, direttore tecnico dell’Aineva, Associazione interregionale di coordinamento e documentazione per i problemi inerenti alla neve e alle valanghe, geologo e professore del Politecnico di Torino, è stato tra i periti nominati dalla Procura di Pescara per la tragedia di Rigopiano. Presenti anche Giacomo Strapazzon dell’Istituto dell’Eurac, l’Accademia Europea di Bolzano, un innovativo istituto di ricerca e di formazione privato fondato nel 1992 che accoglie ricercatori da tutta l'Europa. Tra i relatori la nota guida alpina Maurizio Lutzenberger.

Tutti hanno ribadito che non esiste nessun intervento tempo-dipendente, come quello su valanga. Poiché la neve oltre a ostruire le vie respiratorie esercita sul torace una pressione enorme impedendone la dilatazione. Si viene definitivamente immobilizzati, non è più possibile nessun aggiustamento. Non ci si può mettere comodi.

Dagli studi sappiamo che tra i travolti completamente sepolti, dopo circa 15 minuti 9 su 10 sono ancora in vita. Allo scadere di questo tempo l’asfissia porta alla morte 1 persona ogni 5 minuti. Solo chi ha le vie respiratorie libere e dispone di spazio sufficiente a dilatare il torace ha la speranza di sopravvivere oltre i 40 minuti.

Alla luce di ciò si evince l’importanza di tempestività nella ricerca e nel disseppellimento, azioni che devono essere messe in atto immediatamente e solo chi è ben preparato e coordinato ha speranze di riuscire a salvare i propri compagni.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila CNSAS

Potrebbero interessarti

Scopo della tavola rotonda sarà quello di parlare del territorio di Nuova Pescara, delle peculiarità e delle opportunità da cogliere.

"I neo-promossi rinnovano in maniera più fervida e sostanziale l’adesione all’insieme dei valori più profondi racchiusi nel patrimonio etico del Corpo"

Anche quest'anno alla comunità che ha realizzato l'albero più significativo verrà consegnato un premio destinato alla realizzazione di un progetto importante rivolto alla collettività.

"L'educazione e la rieducazione, il potere della giustizia sulla libertà personale"