Venerdì 07 Maggio 2021

Economia

Proroga dell’accordo per l’area di crisi della Val Vibrata, appello alla regione da provincia e parti sociali

21/04/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Proroga dell’accordo per l’area di crisi della Val Vibrata, appello alla regione da provincia e parti sociali

Necessario che la Regione Abruzzo proceda al più presto alla firma della proroga, con lo stanziamento dei 4 milioni di euro, per riattivare i bandi che saranno gestiti da Invitalia.

Nel corso dell’incontro che si è svolto fra la Provincia di teramo e le parti sociali, che stanno lavorando ad un progetto condiviso sul rafforzamento industriale sul territorio con particolare attenzione al comparto manifatturiero, si è imposta all’attenzione dei partecipanti la vicenda relativa ai finanziamenti dell’Area di Crisi della Val Vibrata.

Il MISE ha deciso di prorogare l’Accordo stipulato con gli Enti locali Abruzzesi e Marchigiani nel 2017: ci sono 16 milioni e 600 mila euro di finanziamenti residui che potrebbero essere immediatamente spendibili per l’area di crisi Vibrata-Tronto.

È urgente e motivata la necessità che la Regione Abruzzo proceda al più presto alla firma della proroga, con lo stanziamento dei 4 milioni di euro, per riattivare i bandi che saranno gestiti da Invitalia. A questo proposito chiediamo che la Regione eserciti un ruolo attivo nei confronti del Ministero e del soggetto gestore affinché le condizioni per le imprese siano il più possibile ritagliate sulle reali esigenze del tessuto produttivo locale, in una logica di semplificazione amministrativa e burocratica, per evitare, come già accaduto col precedente bando, che la partecipazione diventi particolarmente difficoltosa o addirittura poco appetibile per le imprese. Un appello condiviso, il nostro, nella consapevolezza che questa misura è necessaria anche a garantire alcuni dei contrappesi che sono indispensabili a riequilibrare le azioni di sviluppo in questa area della regione.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di Teramo

Potrebbero interessarti

Presidente del neonato consorzio promosso da Confartigianato è stato eletto Camillo Saraullo.

Fai, Flai e Uila si aspettano coerenza e rispetto per le lavoratrici e lavoratori che portano sulle tavole degli Abruzzesi e degli Italiani gli ottimi prodotti della nostra terra. Così come chiedono che venga riconosciuto il Bonus di € 2400 erogato agli altri lavoratori.

Espressa preoccupazione sulle poche risorse destinate all'Abruzzo e quasi inesistenti per porti abruzzesi.

L'appello del Sindaco Ferrara e degli assessori Pantalone e Maretti: “C’è tempo fino al 20 maggio per fare la domanda, più negozi aderiranno più sostegno potremo dare alla categoria”