Lunedì 03 Agosto 2020

Economia

Lanciano, al via sperimentazione del “Food” al mercato del sabato, avviso pubblico

30/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Lanciano, al via sperimentazione del “Food” al mercato del sabato, avviso pubblico

L'Assessorato alle Attività Produttive del Comune di Lanciano ha pubblicato questa mattina l’avviso per l'assegnazione di 13 posteggi al mercato settimanale del sabato in Piazza Unità d'Italia.

Le postazioni sono destinate alle attività di commercio su aree pubbliche per la vendita e somministrazione di prodotti alimentari e fiori, con esclusione dei prodotti ortofrutticoli freschi. La sperimentazione durerà sei mesi e riguarderà le attività che sono interessate alla vendita nell'area adibita a mercato settimanale del sabato di gastronomia e bevande, prodotti tipici (ad esempio miele, tartufo, dolci, olio, vino ecc), salumi e formaggi, frutta secca e dolciumi, fiori. Sono esclusi i prodotti ortofrutticoli freschi. Le domande per l'assegnazione dovranno pervenire entro le ore 12 di venerdì 29 novembre, corredate dei documenti richiesti come da avviso pubblico, consultabile integralmente nel sito istituzionale del Comune di Lanciano, sezione Attività Produttive. Gli uffici comunali procederanno all'assegnazione dei posteggi attraverso una graduatoria che verrà stilata per ciascuna delle cinque categorie merceologiche individuate: i criteri di priorità sono quelli dell'anzianità di iscrizione al registro delle imprese per il commercio su area pubblica con assegnazione di punti a seconda degli anni di iscrizione; in caso di parità l’assegnazione sarà stabilita in base alla minore età anagrafica del richiedente e in caso di ulteriore parità, si terrà conto dell’ordine cronologico di presentazione delle domande, dato dal numero di protocollo del Comune. I 13 posteggi da assegnare vanno da una dimensione minima di 6x5mt ad una massima di 11x6mt. “La scelta convinta della nostra Amministrazione è quella di andare incontro alle richieste degli operatori del mercato del sabato, che da anni chiedevano di inserire il “food” nel mercato. Insieme a loro vogliamo rilanciare il nostro mercato storico e con esso i nostri operatori commerciali che lo animano da sempre, portandolo ad essere il secondo d'Abruzzo per importanza e grandezza. La sperimentazione andrà avanti sei mesi e per ora riguarderà 13 posteggi lasciati dai precedenti concessionari per diversi motivi: siamo sicuri della grande partecipazione da parte degli operatori del food per assicurarsi un posto vendita al mercato del sabato. Un particolare ringraziamento ai rappresentanti delle associazioni di categoria Confesercenti e Confcommercio, Romano Di Florio e Attilio De Fabritiis, per aver sollecitato questa soluzione e per aver condiviso la chiara scelta politica di rivitalizzare il mercato del sabato e con esso la vitalità commerciale del centro città”, sottolinea l'Assessora alla Commercio Francesca Caporale.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Lanciano

Potrebbero interessarti

Una spesa procapite pari a 58 euro mentre ogni famiglia stanzierà, in media, 135 euro per gli acquisti di merce scontata.

La presentazione del Bilancio 2019 è avvenuta in occasione della convention annuale aziendale che si è svolta a Roseto degli Abruzzi e che ha visto la partecipazione, tra gli altri, del Presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, del sottosegretario alla Presidenza della Giunta Regionale, Umberto D’Annuntiis e l’assessore regionale al Lavoro, Piero Fioretti.

Si è concluso il 24 luglio con la presentazione dei due nuovi locomotori, in contrada Saletti di Paglieta, il “Sangritana Cargo Open day, organizzato da Sangritana Spa.

Il primo Bilancio della gestione di TUA a guida Gianfranco Giuliante nel Consiglio di Amministrazione si chiude positivamente. Bilancio col segno più che ha fatto registrare un utile di circa 90 mila euro ed un valore della produzione di oltre 124 milioni di euro, nonostante un’ulteriore significativa riduzione della contribuzione pubblica di 2,7 milioni di euro rispetto all’anno precedente. Dal 2015 è stata registrata una riduzione della contribuzione di circa 14 milioni di euro l’anno.