Marted 29 Novembre 2022

Economia

Il Pastificio De Cecco di Fara San Martino investe sui dipendenti, bonus e welfare

05/10/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Il Pastificio De Cecco di Fara San Martino investe sui dipendenti, bonus e welfare

3.600 euro a tutti i dipendenti al raggiungimento degli obiettivi fissati nell'Accordo Integrativo Aziendale e a titolo di Welfare aziendale i buoni carburante.

L'azienda alimentare De Cecco ha in questi giorni rinnovato l'accordo quadro sul Premio di Risultato. Lo annuncia, in una nota il pastificio con sede a Fara San Martino, nel precisare che un importo pari a 3.600 euro verrà erogato a tutti i dipendenti al raggiungimento degli obiettivi fissati nell'Accordo Integrativo Aziendale sottoscritto il 27 maggio scorso. Le aziende del Gruppo De Cecco si sono impegnate a corrispondere poi a titolo di Welfare aziendale i buoni carburante. De Cecco è in testa come miglior datore di lavoro del settore Alimentare, categoria Molini e Pastifici: a dirlo è l’Istituto Tedesco Qualità e Finanza (ITQF) che dopo aver analizzato milioni di dati riconosce che nell’azienda De Cecco ci si sente in un microcosmo lavorativo ideale.

I motivi per cui sia stato possibile ottenere tale risultato risiedono nella particolare attenzione che il Cavalier Filippo Antonio De Cecco riserva ai dipendenti e professionisti dell’azienda, un presidente che non perde occasione per ascoltare - senza ostentarlo - le esigenze della propria forza lavoro e premiare i risultati conseguiti. Le aziende del Gruppo De Cecco si sono impegnate a corrispondere poi a titolo di Welfare aziendale i buoni carburante al fine di sostenere concretamente le famiglie (anche dei lavoratori part-time) nel contenimento della spesa per i trasporti. Questi sono solo i più recenti interventi a favore dei dipendenti; con il contratto integrativo aziendale già dalla scorsa primavera erano stati approvati anche il “Bonus Campi estivi” per i figli tra 6 e 13 anni dei lavoratori del sito produttivo di Fara San Martino, il “Bonus Carrello Alimentare” (ex indennità sostitutiva beni in natura), gli “Omaggi ai dipendenti” attraverso beni in natura (in occasione delle festività di Natale e Pasqua l’azienda consegna a tutti i dipendenti, dirigenti compresi, omaggi di pasta, riso, rossi e farina. Inoltre la De Cecco riconosce la Polizza Assicurativa infortuni extra professionali a tutti gli impiegati e la Polizza Integrativa Sanitaria a tutti i dirigenti. Un altro elemento che ha contribuito a rendere ideale il clima nell’ambiente di lavoro è la scelta di investire sui neogenitori: dallo scorso anno De Cecco ha aperto a Pescara l’asilo nido aziendale, attraverso l’impegno della Fondazione FADC (Food & Alimentation Program De Cecco). Sensibile alle necessità solidaristiche e alla protezione sociale, l’azienda De Cecco ha abbracciato l’appello del Parlamento Europeo sulla Garanzia europea per l’infanzia e ha fatto dell’asilo nido aziendale un fiore all’occhiello che vuol favorire la conciliazione dei tempi vita-lavoro, il sostegno ai dipendenti e alle loro famiglie. L’asilo, realizzato interamente con risorse private, ospita al momento dieci bambini, sei dei quali nati nel 2020.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Abruzzo

Potrebbero interessarti

L’azienda frentana, leader a livello europeo nella produzione e vendita di ricambi per minivetture, reduce dal successo ottenuto alla fiera Eicma di Milano, festeggia i suoi 15 anni anche con l’ingresso in questa classifica che premia le eccellenze dell’economia Italiana.

Presieduto da Donato Di Campli, alla presenza di Alberto Paone in rappresentanza di Bper Banca e di Gabriele Tupone presidente del Collegio sindacale, si è riunito a Lanciano il Consiglio di Amministrazione di Lancianofiera che ha, di fatto, formalmente avviato il suo nuovo mandato.

Secondo l’elaborazione del CRESA - Centro Studi dell’Agenzia per lo Sviluppo della Camera di Commercio del Gran Sasso d’Italia – sulla base dei dati prodotti da CERVED, società information provider e agenzia di rating, in Abruzzo nell’ambito delle imprese con 10 addetti e più sono 132 le manifatturiere e 98 edili che al primo semestre 2022 risultano poco o per nulla affidabili dal punto di vista creditizio e finanziario, cioè non mostrano la capacità di onorare gli impegni assunti.

Di questi, 1,75 sono previsti per l'Abruzzo, secondo le stime di Osservatorio Abruzzo, progetto di Fondazione Openpolis, Etipublica, Fondazione Hubruzzo, Gran Sasso Science Institute e StartingUp. Parte delle risorse arriva dal fondo complementare.