Marted 05 Luglio 2022

Economia

Giacomo D’Ignazio e Marco Fracassi si confrontano sul caro-energia e carenza di materie prime: agire subito per salvare le imprese e lavorare per il futuro

15/03/2022 - Redazione AbruzzoinVideo
Giacomo D’Ignazio e Marco Fracassi si confrontano sul caro-energia e carenza di materie prime: agire subito per salvare le imprese e lavorare per il futuro

Nei giorni scorsi il presidente di Fi.R.A., Giacomo D’Ignazio, ha visitato l’azienda marsicana Fama Plast, guidata da Marco Fracassi, presidente di Confindustria Abruzzo.

La visita a questa eccellenza dell’industria abruzzese ha creato l’occasione per un intenso scambio di idee tra i due presidenti in merito ai preoccupanti effetti che lo scontro tra Russia e Ucraina sta creando sull’approvvigionamento delle imprese e sulla spinta verso l’alto dei prezzi di materie prime ed energia. D’Ignazio e Fracassi si sono trovati pienamente d’accordo sull’urgenza di un po­ten­zia­men­to del­le mi­su­re adot­ta­te dal Governo, sia sul piano congiunturale per affrontare gli im­pat­ti de­va­stan­ti del caro-energia, sia su quel­lo strut­tu­ra­le per in­cre­men­ta­re la ca­pa­ci­tà di re­si­sten­za del si­ste­ma pro­dut­ti­vo di tutta l’Italia, a cui occorre dare mag­gio­re sta­bi­li­tà con mi­su­re di so­ste­gno di una du­ra­ta che guardi ad almeno uno o due anni.

Nel 2022 i prez­zi di elet­tri­ci­tà e gas, già al­tis­si­mi, han­no con­ti­nua­to a crescere con un au­men­to ul­te­rio­re di cir­ca il 400%, ri­spet­to ai prez­zi di feb­bra­io 2021. Contemporaneamente è cresciuto il numero dei settori costituiti dalle cosiddette aziende energivore, ossia ad altissima intensità energetica che rischiano di bloccare o stanno bloccando temporaneamente la produzione, come le cartiere, le aziende chimiche, quelle che lavorano la ceramica, il vetro e il cemento, ma ad essere danneggiate sono anche quelle che lavorano le materie prime provenienti dai territori in guerra, come l’agricoltura per la mancanza di fertilizzanti.

“L’Italia oggi sconta decenni di politiche energetiche sbagliate, - ha detto il presidente di Fi.R.A. - ora non possiamo che affrontare la situazione con misure straordinarie che incidano velocemente sull’oggi delle imprese e lavorare da subito su un progetto di transizione che tolga il nostro Paese da questa situazione di grande dipendenza dall’estero. Anche nella nostra Regione, tutti dobbiamo collaborare per il bene del sistema imprenditoriale abruzzese e per salvaguardare le nostre eccellenze. Anche noi siamo pronti a fare la nostra parte, lavorando affianco della Regione Abruzzo nella formulazione della programmazione regionale, perché siano studiati e messi a disposizione delle imprese tutti gli strumenti e le risorse necessarie per attutire innanzitutto gli effetti dello shock energetico attuale, ma anche per affrontare la problematica con operazioni più a lungo termine”.

“Gli effetti di questa situazione - ha ribadito Marco Fracassi - preoccupano non poco le imprese abruzzesi visti gli impatti negativi sull’andamento della propria produzione. Le indagini sulla fiducia delle aziende manifatturiere, che il nostro sistema sta facendo, rilevano un rallentamento della crescita e soprattutto attese pessimistiche sulle prospettive economiche. Una situazione partita già prima dello scoppio del conflitto bellico, infatti, già a fine 2021 l’impatto del caro-energia sull’attività economica aveva causato una forte riduzione produttiva dell’industria e gli imprenditori sono oggi sempre più preoccupati”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Avezzano

Potrebbero interessarti

Nel corso dell’incontro verranno illustrate le linee di indirizzo programmatiche della Giunta Regionale che sostengono la Priorità V “Riequilibrare l’Abruzzo per un benessere diffuso” del Programma regionale FESR 2021-2027.

Davide Caporale: sarà applicato un canone unico e saranno definite determinate distanze da rispettare per la collocazione di attrezzature e manufatti, removibili, che potranno essere ubicati ad almeno due metri dal ciglio della pista ciclopedonale

L'azienda sta attraversando un momento di calo imprevisto, riconducibile alla mancanza di materiali, non alla richiesta che continua ad essere molto importante.