Sabato 16 Ottobre 2021

Economia

Dodici nuovi mezzi nel parco TUA. Giuliante: “Trasformazioni radicali per un nuovo modello di sviluppo sostenibile”

19/03/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Dodici nuovi mezzi nel parco TUA. Giuliante: “Trasformazioni radicali per un nuovo modello di sviluppo sostenibile”

Dodici nuovi mezzi sono stati immessi nel circuito TPL e Commerciale gestito da TUA SpA.

“Dopo i 104 autobus che nel 2020 hanno rinnovato la flotta TUA – ha commentato Gianfranco Giuliante, presidente di TUA SPA - continua l’azione di ‘rinverdimento’ del parco mezzi”.

In particolare, si tratta di tre autobus EVADYS destinati sulla linea commerciale L’Aquila-Roma, mentre nel settore del trasporto pubblico locale TUA può contare su sei bus Iveco Crosswey Low Entry alimentati a gasolio (omologazione Euro 6 step D), oltre ad un autobus Sit-Car Italia modello “ROAD” e due autobus oggetto di trasformazione Dual Seul – gasolio metano che, proprio grazie a questa tecnologia omologata, comporta una significativa riduzione delle emissioni in atmosfera (ad esempio meno 80 per cento di polveri sottili).

“Continua e si intensifica la svolta verde, con un progetto che prevede la stipula di un’apposita convenzione tra TUA – Università dell’Aquila e I.M. – CNR Napoli sullo studio e l’impiego della miscela di carburante “idrometano”, sperimentato su motore TUA” ha spiegato il presidente di TUA Gianfranco Giuliante.

TUA, inoltre, ha aderito al progetto comunitario Life 3 H che prevede fondi per l’acquisto di un autobus ad idrogeno che verrà impiegato nell’area montana dell’Altipiano delle Rocche.

“Questi mutamenti si inquadrano nel contesto di una svolta nella direzione di uno sviluppo sostenibile finalizzato alla transizione ecologica – ha concluso Gianfranco Giuliante - che si vuole favorire attraverso processi di mitigazione dell’impatto ambientale, innovazione e aumento della competitività”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Una misura che prevede una dotazione finanziaria complessiva di 118 mila euro derivanti dal Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (PO FEAMP 2014-2020).

L'associazione illustra strategie e obiettivi all'assessore Cremonese

Tanti i relatori illustri a partire dal governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco

Il presidente della regione chiede al ministro che si convochi quanto prima un tavolo di confronto tra le parti sociali, la proprietà aziendale e le istituzioni locali, e, in particolare, venga compiuto ogni sforzo per individuare soluzioni alternative la chiusura.