Venerdì 07 Maggio 2021

Economia

Brioni ridimensiona in suoi impianti in Abruzzo, coinvolti trecentoventi lavoratori

15/04/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Brioni ridimensiona in suoi impianti in Abruzzo, coinvolti trecentoventi lavoratori

L’Azienda costretta a intraprendere un duraturo e improrogabile percorso di interventi di razionalizzazione dei costi e ridimensionamento dei siti produttivi di Penne, Montebello di Bertona e Civitella Casanova

Un Piano Industriale per il periodo 2021-2025 che punta su uno sviluppo del brand in accessori e nuove categorie di prodotto, "mantenendo il forte posizionamento nell'eccellenza produttiva cento per cento italiana e nell'esclusività": è quello illustrato da Brioni, nell'incontro tenutosi nei giorni scorsi, al Ministero dello Sviluppo Economico, "per andare incontro all'evoluzione del settore dell'abbigliamento maschile di fascia alta" che prevede, però, "una razionalizzazione dei costi di struttura e una riorganizzazione della matrice produttiva". Brioni, si legge in una nota "si trova costretta a intraprendere un duraturo e improrogabile percorso di interventi di razionalizzazione dei costi e ridimensionamento dei siti produttivi di Penne, Montebello di Bertona e Civitella Casanova", tutti in provincia di Pescara, "che attualmente possono contare su un organico di oltre 1.000 lavoratori". Brioni, prosegue la nota, intende "mettere a disposizione delle risorse coinvolte, stimate fino a un massimo di circa trecentoventi lavoratori tra diretti e indiretti di produzione, ogni più opportuno strumento per ridurre, quanto più possibile, il conseguente impatto sociale, comprese misure per il reimpiego".
    "Alla luce di tale sofferta decisione, Brioni conferma la propria ferma intenzione di non voler procedere in via unilaterale, ma anzi in una logica di confronto costruttivo e di dialogo con le Organizzazioni Sindacali e con tutte le parti".

fonte Ansa

Daniele Lanetta

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di Pescara

Potrebbero interessarti

Presidente del neonato consorzio promosso da Confartigianato è stato eletto Camillo Saraullo.

Fai, Flai e Uila si aspettano coerenza e rispetto per le lavoratrici e lavoratori che portano sulle tavole degli Abruzzesi e degli Italiani gli ottimi prodotti della nostra terra. Così come chiedono che venga riconosciuto il Bonus di € 2400 erogato agli altri lavoratori.

Espressa preoccupazione sulle poche risorse destinate all'Abruzzo e quasi inesistenti per porti abruzzesi.

L'appello del Sindaco Ferrara e degli assessori Pantalone e Maretti: “C’è tempo fino al 20 maggio per fare la domanda, più negozi aderiranno più sostegno potremo dare alla categoria”