Sabato 11 Luglio 2020

Economia

Blutec, Fioretti e Febbo, azienda avrà futuro produttivo in Abruzzo

04/10/2019 - Redazione AbruzzoinVideo
Blutec, Fioretti e Febbo, azienda avrà futuro produttivo in Abruzzo

Per la Blutec di Atessa c'è un futuro produttivo. Il tavolo vertenziale aperto al ministero dello Sviluppo economico ha di fatto dato il via libera al salvataggio dell'azienda che si occupa di componentistica nell'ambito dell'automotive.

"Al tavolo tecnico del Ministero - hanno annunciato gli assessori Mauro Febbo e Piero Fioretti - sono state date rassicurazione su un'operazione di salvataggio che prevede due momenti: l'affitto del ramo d'azienda per 6 mesi e successivamente l'assorbimento dell'intera azienda da parte del Gruppo Magnetto, società leader nell'indotto dell'automotive". Il passaggio della Blutec al Gruppo Magnetto, ed è questo il dato importante, non comporterà sacrifici dal punto di vista occupazionale. "Ed infatti - sottolineano gli assessori al Lavoro e allo Sviluppo economico - i circa 200 addetti dello stabilimento di Atessa verranno riassorbiti confermando in questo modo la tutela dei livelli occupazionali. E' quello che ci interessava di più oltre al fatto che la ripresa dell'attività produttiva è una notizia che aiuta l'economia della regione". Febbo e Fioretti poi insistono su un altro dato: "Il Gruppo Magnetto da anni opera con grandi risultati sull'indotto automotive e questa circostanza dovrebbe rappresentare un elemento di tranquillità per il futuro occupazionale dei lavoratori Blutec". (

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il circuito di credito commerciale per fare acquisti offrendo in cambio beni e servizi, che non si è fermato nemmeno durante il lockdown

L’Associazione RATI, sempre più convinta della complessità della situazione che si è venuta a creare con la pandemia, insiste con la sua iniziativa finalizzata alla comprensione della molteplicità dei fenomeni in atto, quale premessa per qualsiasi reazione da attivare con consapevolezza.

Masci riceve associazione e gestori. Gli esercenti: "Vigilanza privata per rispetto regole, ma consentire l'asporto". Vianale: "Serve buonsenso, settore rischia di morire"