Lunedì 21 Settembre 2020

Cultura

Pescara, Festa della Rivoluzione, in mostra da ieri la Carta Carnaro originale

05/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Pescara, Festa della Rivoluzione, in mostra da ieri la Carta Carnaro originale

La costituzione scritta di prima mano dal sindacalista socialista Alceste De Ambris e poi rielaborata nella forma ma non nella sostanza dal poeta Gabriele D'Annunzio, nella sua avventura a Fiume, sarà in esposizione fino all'8 settembre.

“La Carta del Carnaro è l’immagine stessa, il simbolo della lungimiranza e della visionarietà dell’uomo d’Annunzio, tra le più importanti carte costituzionali che presenta spunti inediti, un documento che oggi più che mai presenta un’attualità straordinaria che è oggetto di studio e di esame”. Lo ha detto il Presidente del Vittoriale degli Italiani, Giordano Bruno Guerri che ieri ha aperto al pubblico la sezione della Mostra ‘Disobbedisco’ che ospita, da oggi, la copia manoscritta autentica de La Carta del Carnaro, vergata da Gabriele d’Annunzio con firma autografa, custodita all’interno di una teca, e che resterà esposta sino al termine della seconda edizione de ‘La Festa della Rivoluzione – d’Annunzio torna in Abruzzo’, promossa dalla Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo, con il Consiglio e la Giunta regionale e il Comune di Pescara. Presenti anche il sindaco Carlo Masci e il Presidente del Consiglio regionale Lorenzo Sospiri.

 

“La Carta del Carnaro – ha sottolineato il professor Guerri – era una Costituzione talmente avanzata rispetto alla sua epoca che si sarebbe tradotta in un progetto enorme, purtroppo concluso dopo l’esperienza di Fiume. Ma ancora oggi resta una delle carte costituzionali più importanti che contiene spunti inediti, come la tutela della proprietà privata che però deve produrre frutti. Esporla oggi a Pescara ha un significato straordinario perché Pescara è la città di d’Annunzio ed è la prima volta che esce dal Vittoriale dal 1921, dove d’Annunzio la portò con sé, dunque è l’ennesimo segno della collaborazione e dell’amicizia tra Pescara e il Vittoriale, i due luoghi di d’Annunzio. E la Carta è anche la fotografia della lungimiranza di d’Annunzio che stava ‘avanti’, era un innovatore tale che non era compreso, ma è stato frainteso. Pensiamo che è stato giudicato scandaloso per le sue imprese amorose perché abbiamo ereditato e accettato il pregiudizio piccolo borghese dell’800 che si scandalizzava per i suoi amori, mentre oggi nessuno se ne preoccuperebbe, quindi vuol dire che aveva ragione lui”. “D’Annunzio è un brand formidabile per Pescara – ha confermato il sindaco Masci – che deve riconoscersi nella sua immagine. Molte città si definiscono dannunziane, ma c’è un’unica città in cui è nato e solo noi possiamo fregiarci del suo nome”. “L’esposizione della Carta del Carnaro – ha detto il Presidente Sospiri – s’inserisce in una giornata di studio in cui i lavori si sono volutamente concentrati sui diritti e i doveri contenuti in una delle carte costituzionali più moderne e attuali che si potesse immaginare, un documento all’avanguardia che detta anche le regole per una civile convivenza tra i popoli. Peraltro la Carta resterà visionabile all’interno della mostra sino al prossimo 8 settembre con ingresso gratuito”. E a margine dell’esposizione, il professor Giuseppe De Vergottini ha ricordato l’attualità della Carta “che non era un sogno, ma l’espressione di un indirizzo sociale, pensiamo che non solo riconosceva pari diritti di espressione a tutte le religioni, ma addirittura tutelava anche chi non aveva una fede di riferimento, ovvero chi era ateo. Una carta dunque che conteneva indicazioni ancora oggi utili”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara

Potrebbero interessarti

Domani l'inaugurazione dell'iniziativa e dalle 18.30 l'esposizione della fotografa americana Tanquerel

La cerimonia di premiazione si svolgerà domani pomeriggio, 17 settembre, nell'ambito dell'importante Festival "Pordenonelegge".

Lo annunciano con soddisfazione il sindaco Francesco Menna e l'assessore alla cultura Giuseppe Forte.

Con un caldo applauso oggi Lanciano ha salutato e accolto il suo concittadino, Remo Rapino, vincitore, con il romanzo Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio, della 58 esima edizione del Premio Campiello, il concorso di narrativa tra i più importanti d’Italia, targato Confindustria Veneto.