Sabato 16 Ottobre 2021

Cultura

Aielli, suggestioni scaturite nel periodo del lockdown, ragazzi e ragazze realizzano un murales

01/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Aielli, suggestioni scaturite nel periodo del lockdown, ragazzi e ragazze realizzano un murales

Un progetto che ha visto la guida della Fondazione Ordine psicologi d'Abruzzo

Un particolare e significativo murales è stato realizzato sulla piazza di Aielli, dove dai primi giorni del mese di giugno alla fine di luglio 2020 ,i  ragazze e le ragazzi del meraviglioso borgo medioevale, dai 14 ai 17 anni, hanno condiviso, con l’aiuto e la guida della fondazione psicologi d'Abruzzo, le esperienze e le suggestioni scaturite durante il periodo di isolamento forzato. Aielli  è un centro molto conosciuto a livello turistico anche grazie alla realizzazione, tra i vicoli del paese, di bellissime opere d'arte urbana e murales e anche per l'evento Borgo Universo, il festival di street art  che porta da anni nel piccolo centro dell'aquilano artisti di livello internazionale. Quindi anche in questo momento così particolare e non facile per la comunità l'arte è stata uno strumento importante per esprimere il mondo interiore dei giovani del paese. "Il progetto prevedeva fin dall’inizio la presenza di un mediatore artistico che traducesse le emozioni in espressione visiva, permettendo che la condivisione e l’esplicitazione delle emozioni emerse venisse rappresentata su una parete sotto forma di murale. Così è nato IMPLOSIONE 2020, - si legge in una nota del Comune di Aielli - un murale la cui lettura è possibile attraverso lenti colorate rosse e blu, utili a mettere in evidenza duplici e opposti contenuti maturati dai ragazzi nel corso del programma di scambio degli elaborati. Si ha perciò una visione alternata dei diversi simboli. Il fruitore è stimolato a vedere oltre le apparenze, attraverso il filtro della doppia esposizione. Quindi l’intenzione principale è stata quella di rappresentare le molteplici esperienze e la condensa emozionale che è parte integrante del progetto. - continua la nota in cui si descrive ogni singolo disegno - C'è il papavero e il bambino: il papavero rosso è simbolo di gioventù che accoglie in sé la nuova vita nel senso di possibilità e di crescita; dentro il papavero infatti il bambino è collegato da un cordone ombelicale sovrapposto al gambo del fiore che gli permette di proiettarsi verso l’ignoto; si possono così esplorare nuovi spazi con la sicurezza di essere legati alle radici e al terreno. C'è l'onda elettromagnetica: alla base della composizione l’onda elettromagnetica rappresenta l’equilibrio tra gli spazi e le distanze, sociali e interstellari. Quest’onda è anche l’energia e il nutrimento della famiglia che permette di lanciarsi verso nuovi orizzonti e verso spazi inesplorati. Le radici degli affetti quotidiani sono la base di partenza per nuove possibilità. - continua la nota del Comune nella descrizione del murales - Ci sono le stelle: il bambino fluttuante cerca di afferrare le stelle che rappresentano i suoi sogni. C'è il cavallo-joystick: il simbolo del cavallo che ingloba un joystick è ispirato alle rappresentazioni dei cavalli nelle pitture preistoriche delle caverne; la “caverna” del lockdown è stata riempita dalla realtà virtuale e dalla tecnologia che ha permesso di rompere l’isolamento. Il joystick è stato un “cavallo” per volare ed uscire all’aria aperta, riacquistando un senso di libertà. C'è l'orante: un altro simbolo arcaico, cioè l’esser umano preistorico sovrastato dalla natura, parallelo all’essere umano moderno che nonostante il suo progresso tecnologico è stato bloccato nella casa/caverna dalla pandemia. C'è il pianeta/pallone da calcio: all’interno del pianeta è contenuto un pallone da calcio, simbolo di aggregazione, dal quale spuntano delle api, simbolo di socialità, che volano verso la finestra superiore della casa, anch’essa accolta nella struttura del murale, perché simboleggia l’apertura verso il mondo esterno. Da questa stessa apertura verso il basso si estendono delle mani che si protendono dalla finestra al pallone, come simbolo di una collettività che vuole riallacciare i legami. Una simbologia composita unita da un tratteggio che rappresenta l’incertezza tipica dell’età adolescenziale e quella derivata dall’esperienza della pandemia, prendono l’aspetto di moderne pitture rupestri che trasudano dall’interno della caverna/casa verso l’esterno spazio/luce, per riappropriarsi della vita e della libertà." Tutta la direzione artistica, nonché la realizzazione pratica del murales è stata curata da Maria Angelica Mazzulli. Il Comune di Aielli conclude la nota riservando un profondo ringraziamento al Presidente della Fondazione dell' Ordine degli psicologi d' Abruzzo Paolo Manfreda, alla dottoressa Elisa De Foglio, al dottor Giovanni Pendenza e a tutti gli altri psicologi che hanno offerto la loro professionalità e soprattutto agli adolescenti aiellesi che hanno accettato di condiviodere i loro pensieri ed il loro tempo prezioso.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

A ricevere il prestigioso riconoscimento, conferito annualmente, come da statuto, “ad una persona nata nella Frentania che si è resa benemerita dando lustro alla sua terra d’origine in patria e nel mondo”,lo scrittore Remo Rapino, già vincitore del Premio Campiello 2020.

Comune, Soprintendenza e Deputazione teatrale: “Rinasce a nuova vita un luogo della cultura e del cambiamento”. Subito la lirica e visite guidate per la Città

il sindaco Castiglione: Questo ulteriore finanziamento testimonia l’attenzione dell’amministrazione per migliorare la funzionalità delle nostre scuole

Mattoscio: Il presidente Mattarella ha incoraggiato il mondo della cultura, che è tra quelli che più hanno sofferto la pandemia: per questo ha molto gradito l'operazione dell'Imago Museum di Pescara".