Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

Violazione norme anti-covid, la Polizia dell'Aquila multa 16 cittadini dell'est

10/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Violazione norme anti-covid, la Polizia dell'Aquila multa 16 cittadini dell'est

I controlli della Polizia di sono concentrati sui cittadini provenienti dall'area balcanica per verificare l'applicazione della sorveglianza fiduciaria.

Resta elevato il livello di attenzione della Polizia di Stato volto ad impedire e circoscrivere la diffusione del Covid-19 ponendo in essere mirate azioni volte al contenimento e alla circoscrizione del virus, in pieno raccordo e collaborazione con la Prefettura e con la ASL nonché con le altre Forze di Polizia ed Enti Locali. La Questura dell’Aquila, sta procedendo a controlli che vedono coinvolti cittadini italiani e stranieri, soprattutto quelli provenienti dai paesi dell’area balcanica. In tale ambito si è proceduto ad elevare 16 sanzioni amministrative, ad altrettante persone, per un totale di 6400 euro, nei riguardi dei cittadini provenienti dai paesi dell’est che all’atto del loro ingresso in territorio nazionale, non hanno effettuato le prescritte comunicazioni alla locale azienda sanitaria, utili a consentire l’applicazione della sorveglianza fiduciaria.  “La Questura è impegnata in una costante campagna informativa finalizzata a contenere l’emergenza epidemiologica da Covid-19.  - rifeirsce il Questore di L'Aquila, Gennaro Capoluongo - E’ assolutamente necessario attenersi alle disposizioni emanate dal Ministero della Salute e dalle Autorità locali, nonché all’uso di dispositivi di protezioni individuale”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

L'Aquila Polizia di Stato

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.