Domenica 31 Maggio 2020

Cronaca

Viale San Giovanni in Venere a Fossacesia, la Provincia chiede alla Regione di abbattere 29 cipressi

26/02/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Viale San Giovanni in Venere a Fossacesia, la Provincia chiede alla Regione di abbattere 29 cipressi

La Provincia di Chieti ha chiesto ufficialmente alla Regione Abruzzo, l’autorizzazione all’abbattimento di 29 alberi lungo viale San Giovanni in Venere.

Nella domanda viene espressamente specificato che la richiesta scaturisce in seguito a indagini eseguite per conto della Provincia dalla Res Agraria di Tortoreto Lido dalla quale è emerso che 29 arbusti manifestano “segni, sintomi o gravi difetti che fanno ritenere che il fattore di sicurezza naturale degli stessi sia esaurito” e che pertanto vanno abbattute. I controlli sono avvenuti dopo le ripetute richieste del Comune di Fossacesia che, in varie occasioni, aveva segnalato all’Ente provinciale, competente sui 1600 metri che collegano il centro città con l’area monumentale di San Giovanni in Venere, una situazione di pericolo per l’incolumità dei cittadini e dei turisti. Un cipresso, tra l’altro, era caduto per colpa del maltempo agli inizi di questo mese e la strada era stata interdetta alla circolazione. “ Ci auguriamo che la Regione faccia propria e risponda positivamente e rapidamente alla domanda pervenuta dalla Provincia. Da anni segnaliamo i problemi che si manifestano ogniqualvolta il maltempo si presenta con una certa violenza – afferma il Sindaco Enrico Di Giusepantonio -. In più occasioni siamo stati costretti a intervenire per la sicurezza degli automobilisti e dei pedoni ma era chiaro che si dovesse fare di più. Pertanto ora speriamo in una rapida decisione per allontanare definitivamente i rischi per l’incolumità pubblica”.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Fossacesia

Potrebbero interessarti

Lo ha deciso il Gip nel corso dell'udienza di convalida dell'arresto.

Sono stati immortalati dalle telecamere. Il sindaco Biondi: consegneremo le foto alle autorità per identificarli e sanzionarli.

L'uomo era stato arrestato in Abruzzo, insieme ad altri 27 soggetti, e condannato poichè ritenuto componente di un sodalizio criminale composto da rom ed albanesi. I carabinieri di Montesilvano e Vasto non si sono mai arresi nelle ricerche e lo hanno individuato e fatto arrestare.

Ad assistere alla violenza il figlio della donna, un bimbo di appena tre anni che è stato accudito amorevolmente dai poliziotti e tranquillizzato