Venerdì 05 Marzo 2021

Cronaca

Vasto, incendio devasta la riserva naturale di Punta Aderci

30/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Vasto, incendio devasta la riserva naturale di Punta Aderci

Il sindaco: subito una task force che individui fondi per far ripartire la riserva

Un esteso incendio è divampato nel primo pomeriggio di oggi nella zona industriale vicina al porto di Vasto. Le fiamme alimentate dal forte vento di scirocco si sono propagate in breve tempo sulla spiaggia nella riserva naturale di Punta Aderci. Subito i bagnanti sono stati fatti evacuare e sono state avviate, con una grande dispiegamento di uomini e mezzi, le operazioni di spegnimento che si sono concluse solo intorno alle 17.00. Al lavoro per ore squadre dei vigili del Fuoco e della protezione civile che sono riuscite a circoscrivere il perimetro della riserva.

Salve dal rogo le strutture informative della riserva naturale protetta. Sono state distrutte dal fuoco vaste zone dunali, arso il meraviglioso promontorio dell’oasi. Uno scenario drammatico che lascia senza respiro.

"Una giornata terribile per la nostra città. Il più grande incendio della storia di Vasto." Così il sindaco di Vasto Francesco Menna giunto sul posto insieme all'assessore all'ambiente Paola Cianci. "Davanti ai miei occhi uno scenario devastante". Ha detto sconfortato  Il primo cittadino di Vasto, che ha sottolineato che occorrerà costituire una task force per poter subito individuare risorse volte a far rinascere il prima possibile questa riserva, il cui habitat naturale è famoso a livello nazionale ed internazionale.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il dispositivo per il rilevamento fotografico dell'infrazione di eccesso di velocità era stato distrutto a colpi di fucile

L'uomo non voleva accettare la fine della loro relazione e si era recato sul posto di lavoro della sua ex compagna minacciandola di morte.

Oltre ai grandi anziani, sono stati vaccinati anche 20 rappresentanti delle forze dell’ordine tra Carabinieri e Carabinieri Forestali, con vaccino “AstraZeneca”.