Giovedì 05 Agosto 2021

Cronaca

Vaccini, esaurite le dosi di Pfizer al Pala Masciangelo di Lanciano, caos e proteste dei cittadini

12/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Vaccini, esaurite le dosi di Pfizer al Pala Masciangelo di Lanciano, caos e proteste dei cittadini

Oltre 70 cittadini in fila sotto al sole e in attesa di sapere cosa fare e quando potranno ricevere il vaccino.

Il repentino ritiro di AstraZeneca ha subito creato dei disagi al buon funzionamento della Campagna vaccinale che nel Chietino stava procedendo spedita e senza gravi intoppi. Nel pomeriggio di oggi, dalle 15 circa, al Pala Masciangelo di Lanciano, dopo essere stati in fila in attesa del proprio turno, circa 70 utenti under 60 sono stati informati dell'assenza delle dosi di Pfizer, mentre gli ultra sessantenni, presenti un numero decisamente inferiore, hanno potuto ricevere l'inoculazione di Johnson & Johnson. Numerose le lamentele soprattutto di chi è giunto a Lanciano da altri centri.

Si punta il dito contro la poca lungimiramza della Asl Lanciano -Vasto - Chieti che avrebbe dovuto, secondo tanti, essere già pronta, visto il clamore dettato dalle numerose notizie nazionali riguardo alle incertezze sul vaccino AstraZeneca, ad una emergenza del genere. Intanto la fila continua ad aumentare e nessuno è in grado di dare risposte ai cittadini che disorientati e sotto il sole sono ancora in attesa di capire cosa fare. A loro i volontari della Croce Rossa stanno distribuendo bottigliette di acqua per evitare eventuali malori visto le temperature che si registrano oggi.

Nulla da eccepire sugli operatori sanitari e i volontari che con grande operosità si stanno adoperando nell'ambito della Campagna vaccinale.

Aggiornamento: la situazione si è sbloccata poco fa, intorno alle 18, con l'arrivo dei vaccini. Dopo alcune ore di attesa si spengono anche le polemiche lasciando spazio al timore che ognuno in cuor suo ha di ricevere il vaccino. 

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dosi di cocaina ed hashish rinvenute nello sportellino del tappo della benzina.

L'attività investigativa coordinata dalla procura, che ha visto la collaborazione dei militari del Gruppo Pescara, e delle Compagnie di Lanciano, Vasto e Teramo, ha portato alla denuncia di 8 persone con l'accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I primi cittadini di Fossacesia, Rocca san Giovanni, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna e Torino di Sangro annunciano danni ingenti e chiedono alla Regione lo stato di emergenza.

Crescono i ricoveri in area medica, +4 rispetto a ieri, e si registra un ricovero ) in terapia intensiva