Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Usura, truffe ad anziani, furti e spaccio. I Carabinieri arrestano una 57enne di Vasto

28/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Usura, truffe ad anziani, furti e spaccio. I Carabinieri arrestano una 57enne di Vasto

E’ una vecchia conoscenza delle Forze dell’Ordine di tutto l’Abruzzo, nota per aver messo a segno colpi nelle province di Chieti, Teramo e Pescara, B.C. la 57enne originaria di Vasto, arrestata su ordine della Procura Generale di L’Aquila dai carabinieri della Stazione di Chieti Principale.

Un curriculum di “tutto rispetto” quello accumulato dalla donna negli anni, che l’ha portata già diverse volte a visitare le patrie galere: mercoledì, pochi giorni dopo il suo compleanno, l’Autorità Giudiziaria ha calcolato, in maniera matematica, il periodo che dovrà scontare in carcere in ben sei anni, un mese e cinque giorni, per una serie di episodi di usura verificatisi tra il 2016 e il 2019. Oltre a ciò, la donna aveva già all’attivo numerose truffe, arresti per spaccio di sostanze stupefacenti e furti, questi ultimi commessi per lo più in danno di persone anziane, che erano il suo target preferito. In una occasione lei e altre due complici erano riuscite addirittura a spacciarsi per conoscenti di una ignara coppia di anziani, che le aveva ospitate a casa per il classico caffè, per poi scoprire che le donne avevano ripulito il cassetto dei gioielli con la scusa di utilizzare la toilette. Ora B.C. è rinchiusa nel carcere di Rebibbia.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Vasto Abruzzo Carabinieri

Potrebbero interessarti

La vittima, una donna di nazionalità romena, da tempo veniva vessata ed aggredita dal suo ex fino a dover ricorrere ad un centro antiviolenza.

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.

In difficoltà perché si era ritrovato sulle roccette, dopo aver sbagliato il percorso e aver preso la Direttissima “estiva”, mentre tentava di raggiungere la vetta del Corno Grande, ha richiesto l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico.

Massimiliano Berghella lancia un accorato appello alla cittadinanza affinché si rispettino le norme volte ad evitare il diffondersi del virus.