Mercoledì 23 Settembre 2020

Cronaca

Tortoreto, scoperta dalla Gdf lungo il fiume Salinello una piantagione di cannabis, arrestato un albanese

15/09/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

I finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno sorpreso l'uomo proprio mentre stava occupandosi delle 160 piante illecite. La sostanza stupefacente, una volta essiccata e immessa sul mercato, avrebbe fruttato ricavi per 200mila euro

I finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, nel corso di una ricognizione aerea, hanno localizzato lungo il tratto del fiume Salinello ricompreso nel Comune di Tortoreto (TE), una piantagione di marijuana, prontamente segnalata al Comando Provinciale di Teramo, consentendo così di organizzare un dispositivo operativo di intervento immediato – già collaudato nel tempo - composto da militari della Compagnia di Giulianova integrato dai colleghi della Sezione Aerea di Pescara. Attraverso sentieri impervi, percorribili solamente a piedi, i militari raggiungevano la zona collinare insistente sull’argine del fiume Salinello, ove nascosta dalla rigogliosa vegetazione hanno individuato la piantagione di marijuana composta da circa 180 piante di un’altezza media di ben 3,5 mt., oramai in piena fioritura e pronte per essere raccolte.

Quanto accertato ha consentito di avviare, nei pressi della illecita coltivazione, un idoneo servizio di osservazione e controllo, protratto ininterrottamente per circa 36 ore, che ha permesso di individuare alle prime ore della mattinata di domenica 13 settembre, un soggetto di nazionalità albanese intento ad accudire le piante, annaffiandole e curandone il corretto accrescimento. Immediatamente fermato dai militari delle Fiamme Gialle, è stato accompagnato presso la sua abitazione per effettuare una perquisizione domiciliare. Il soggetto identificato è stato tratto in arrestato in flagranza di reato e posto a disposizione della Procura della Repubblica di Teramo, alla quale dovrà rispondere dei reati di produzione illecita di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. La piantagione di cannabis, opportunamente sradicata dal terreno e l’attrezzatura utilizzata per la coltivazione (1 generatore di corrente silenziato completo di prolunga elettrica, 1 pompa ad immersione, 2 tubi utilizzati per l’irrigazione, 2 sacchi da 70 litri cadauno di terriccio fertilizzante, 1 tanica contenente liquido fertilizzante) sono state sequestrate ai sensi dell’art. 354 c.p.p., in violazione art. 73, comma 5 del DPR. 309/90. Il prodotto stupefacente una volta seccato e trinciato avrebbe fruttato, una volta immesso sul mercato illegale, oltre 200.000 euro.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

"Nonostante la trasformazione delle feste di settembre per evitare assembramenti si sono creati purtroppo spontaneamente"

L’uomo si era specializzato nella coltivazione di diverse varietà di cannabis ognuna con un diverso principio attivo.

Il manager Di Giosia lancia un appello alla responsabilità verso se stessi e verso gli altri e chiede che si intensifichino i controlli.

L'associazione ambientalista esegue una ricognizione e scopre una situazione sconcertante con la scoperta di sversamenti illeciti.