Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Teramo, truffa incentivi per impianti termici, il GSE chiede la restituzione di circa 4 mln di Euro per contributi illegittimi

05/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Teramo, truffa incentivi per impianti termici, il GSE chiede la restituzione di circa 4 mln di Euro per contributi illegittimi

Federconsumatori Abruzzo pronta ad assistere gli utenti vittime a loro volta di un raggiro.

"La Federconsumatori, attraverso la sua struttura di Teramo, ha ricevuto numerose segnalazioni da parte di cittadini coinvolti nella truffa degli incentivi per la sostituzione di impianti energetici nell’area di Giulianova, Teramo, Roseto degli Abruzzi, Campli, Corropoli, Tortoreto. La maggior parte delle pratiche di richiesta dell’incentivo energetico (Conto Termico) per l’installazione di impianti di climatizzazione, termo-camini, stufe a pellet e scalda acqua, espletate nel giro di due anni, sono risultate corredate da falsa documentazione, in base alla quale il GSE ha erogato indebitamente, a numerosi soggetti privati, incentivi pubblici superiori al dovuto." Lo scrive in una nota la Federazione a tutela dei consumatori d'Abruzzo che sottolinea: "Il consulente che ha gestito tali richieste, indagato dalla Procura di Teramo, si proponeva come intermediario tra l’acquirente del nuovo impianto e il fornitore (del tutto estranei al raggiro), falsificando le fatture di acquisto, producendo falsi formulari rifiuti e creando false immagini fotografiche dei vecchi impianti da sostituire per dimostrarne l’esistenza. In questo modo - si spiega nella nota  - veniva indotto in errore il GSE che, sulla scorta della falsa documentazione prodotta, ha erogato contributi non dovuti. Ora i cittadini si trovano doppiamente beffati: le somme da recuperare (circa 4 mln di Euro di contributi non dovuti) sono infatti il frutto di un raggiro e di una truffa messa in atto a danno non solo dello Stato, ma anche degli utenti, ignari di quanto stava accadendo." Federconsumatori annuncia ora il GSE sta inviando le lettere ai cittadini per recuperare i contributi illegittimamente erogati, chiedendo la restituzione di ingenti somme illegittimamente percepite. "Comprendiamo la necessità del GSE di recuperare le somme erogate a fronte di quella che si configura come un’abile truffa e sosteniamo il meritevole lavoro che sta svolgendo la Guardia di Finanza in coordinamento con la Procura,- dice l'associazione Promozione Sociale -  ma riteniamo fondamentale ascoltare, in questa vicenda, anche la voce dei cittadini raggirati. Per questo la Federconsumatori ha chiesto di avviare un’interlocuzione a livello istituzionale per rappresentare le ragioni dei cittadini ignari della pratica truffaldina messa in atto. Gli sportelli della Federconsumatori sono a disposizione degli utenti coinvolti per l’assistenza e le informazioni del caso, i recapiti sono disponibili al seguente link: https://www.federconsumatoriabruzzo.it/sportelli/. Presso le nostre sedi di consulenza sarà possibile richiedere:

• una immediata sospensione dei termini di pagamento degli importi addebitati;

• una volta ottenuta la sospensione, richiedere una verifica sugli importi da restituire e la possibilità, qualora dovuti, di una dilazione di pagamento, la più ampia possibile e senza l’addebito degli interessi di mora."

La Federconsumatori conclude la nota invitando tutti i cittadini interessati dalla vicenda a non accettare o sottoscrivere modelli di reclamo che hanno il solo scopo di tutelare ulteriormente i soggetti responsabili di questa truffa.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Teramo

Potrebbero interessarti

Si registra un'importante adesione della cittadinanza alla campagna anticovid sul territorio del chietino

Lo prevede l'ordinanza firmata nella serata di sabato dal governatore Marco Marsilio.

La vittima, una donna di nazionalità romena, da tempo veniva vessata ed aggredita dal suo ex fino a dover ricorrere ad un centro antiviolenza.

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.