Giovedì 05 Agosto 2021

Cronaca

Spaccio di droga a Pescara, un arresto

07/06/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Spaccio di droga a Pescara, un arresto

Ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha tratto in arresto F.M., 42enne pescarese con diversi precedenti, colto nella flagranza di reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

La Squadra Volante, impegnata in servizio di controllo del territorio, ha notato, in Via Salara Vecchia, un’autovettura con a bordo quattro giovani che sono stati avvicinati da un ragazzo proveniente dal retro di una palazzina: gli agenti si sono accorti che quest’ultimo ha consegnato un oggetto di forma cilindrica ai giovani nell’auto ricevendo in cambio alcune banconote.
Dopo il rapido scambio, l’autista usciva dalla via e si è allontanato in direzione monti, mentre il venditore è entrato nella vicina palazzina.
Gli agenti, a quel punto, sono intervenuti con l’ausilio di un’altra volante che transitava in zona, per controllare sia gli occupanti dell’autovettura, sia il ragazzo.
Un passeggero dell’auto è stato trovato in possesso di un involucro contenente 2 gr di marijuana;
Il ragazzo che era rientrato nella palazzina è stato invece sorpreso a gettare dal balcone una grande busta di colore nero, generalmente usata per la raccolta dell’immondizia, contenente 2,8 kg di marijuana.
Successivamente lo stesso giovane ha consegnato spontaneamente una busta in cellophane con altra sostanza stupefacente.
Da un accurata perquisizione nei rimessaggi presenti, sono stati rinvenuti un bilancino di precisione, una macchina per sottovuoto, varie buste adatte al sottovuoto, ulteriori 71 gr di marijuana e denaro contante in diversi tagli per un importo di 225,00 euro.
Sulla scorta di tali circostanze il giovane che aveva gettato la droga dal balcone, identificato per F.M. 42enne pescarese, è stato arrestato e, su disposizione del Pubblico Ministero posto a detenzione domiciliare in attesa dell’udienza di convalida.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Dosi di cocaina ed hashish rinvenute nello sportellino del tappo della benzina.

L'attività investigativa coordinata dalla procura, che ha visto la collaborazione dei militari del Gruppo Pescara, e delle Compagnie di Lanciano, Vasto e Teramo, ha portato alla denuncia di 8 persone con l'accusa di produzione, traffico e detenzione illecita di sostanze stupefacenti o psicotrope.

I primi cittadini di Fossacesia, Rocca san Giovanni, Santa Maria Imbaro, Mozzagrogna e Torino di Sangro annunciano danni ingenti e chiedono alla Regione lo stato di emergenza.

Crescono i ricoveri in area medica, +4 rispetto a ieri, e si registra un ricovero ) in terapia intensiva