Mercoledì 12 Agosto 2020

Cronaca

Sicurezza alimentare, Carabinieri del Nas di Pescara chiudono deposito di alimenti

23/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Sicurezza alimentare, Carabinieri del Nas di Pescara chiudono deposito di alimenti

Bloccata la commercializzazione di 22mila bottiglie di vino e superalcolici per gravi carenze igieniche.

Il NAS di Pescara è intervenuto d’iniziativa presso un deposito all’ingrosso di alimenti e bevande della provincia segnalando il titolare alle autorità competenti per le pessime condizioni igieniche della struttura, tra l’altro priva di registrazione e comunicazione all’Autorità sanitaria. I militari del Nucleo si sono trovati di fronte ad infiltrazioni di acqua nei locali di deposito che ne causava il ristagno per un’altezza di circa 10 centimetri, alla mancanza di pavimentazione e di pareti non lavabili. Il titolare aveva anche omesso di attuare il piano di autocontrollo HACCP. Intervenuta immediatamente la ASL di Pescara, è stata disposta la sospensione dell’intera attività ed il blocco assoluto della commercializzazione di oltre 22mila bottiglie di vino e superalcolici, oltre a numerosi altri prodotti che non sono stati quantificati per non compromettere l’incolumità dei militari operanti. Il valore della struttura vincolata ammonta a circa 300mila euro, mentre i prodotti bloccati sono pari a 450mila euro.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Pescara Carabinieri

Potrebbero interessarti

Il sindaco Magnacca annuncia che la prossima volta verranno riportati a casa dei responsabili. Il Comune aumenta le fototrappole che inchiodano gli incivili.

L'associazione critica fortemente il Comune, ente gestore della riserva naturale e sottolinea: tra rifiuti, assembramenti e watt sparati viene meno la conservazione della Natura e un turismo fondato sul rispetto dei luoghi.

Il sindaco di Lanciano lancia un appello" Il virus è ancora in circolazione, dobbiamo evitare che si generi nuovo lockdown" vi invito a rispettare le norme"

“Non avrei mai voluto trovarmi di fronte ad una scelta del genere, ma quando si tratta di tutela della salute pubblica non ci sono altri argomenti che tengano. Come avevo già dichiarato in ripetute occasioni, abbiamo cercato fino alla fine di trovare una soluzione che salvasse la manifestazione tenendola ad un livello di dignità assoluta e tutelasse i nostri spettatori, ma abbiamo dovuto desistere”.