Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Sevel ferma per mancanza di componenti ma Fiom teme che dietro ci sia lo spettro della Polonia

28/08/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Sevel ferma per mancanza di componenti ma Fiom teme che dietro ci sia lo spettro della Polonia

il segretario di Fiom Cgil Fegatelli "Dal reparto Lastratura della Sevel stanno inviando a Gliwice intere fiancate del furgone e alcune aziende dell’indotto stanno già producendo per lo stabilimento polacco".

"Come FIOM siamo preoccupati per quello che sta accadendo in Sevel rispetto alle fermate comunicate dall'azienda per mancanza di componenti, ma abbiamo anche la necessità di capire se siamo in presenza solo di una situazione congiunturale o c'è altro. Abbiamo appreso che la produzione a Gliwice sarà anticipata da aprile a febbraio 2022. Dal reparto Lastratura della Sevel stanno inviando a Gliwice intere fiancate del furgone e alcune aziende dell’indotto stanno già producendo per lo stabilimento polacco. Purtroppo, i nostri timori di maggio 2019 stanno trovando molte conferme". Così in una nota Alfredo Fegatelli, segretario Generale della Fiom Cgil, il quale sottolinea che dopo che il governo polacco ha esteso dal 2020 al 2026 la ZES (Zona Economica Speciale) nell’area di Gliwice, in quel territorio si stanno concentrando molte aziende, le quali decidono di insediarsi in quel luogo per usufruire delle agevolazioni messe a disposizione, oltre che per sfruttare una posizione geografica strategica".

La ZES polacca prevede: regime fiscale che contempla l’abbattimento totale della tassazione su alcune tipologie di imprese; Canoni di concessione agevolati ed esenzioni o riduzioni di imposte gravanti sugli immobili, tributi connessi allo smaltimento dei rifiuti, ai servizi, ecc.; Contributo in conto capitale per la realizzazione degli investimenti iniziali connessi all’insediamento produttivo; Deroghe alle regolamentazioni sui contratti di lavoro ed esenzioni o riduzione degli oneri sociali sulle retribuzioni; Interventi infrastrutturali sul territorio interessato al fine di migliorare la competitività anche in termini di logistica e movimentazione merci.

"Mentre il Governo italiano si fa restituire il prestito da Stellantis ed è intento a discutere delle mense, le aziende italiane aprono le fabbriche in Polonia.- continua la Fiom Cgil -  L’Italia, un paese a vocazione manifatturiera, non vede da decenni una politica industriale degna di questo nome. Il Parlamento italiano dovrebbe riportare le tematiche del lavoro al centro della discussione e porsi il problema di come evitare di esporre i lavoratori e le imprese italiane ad una competizione impossibile. Una competizione in cui le imprese cercheranno di resistere e prima di soccombere scaricheranno, inevitabilmente, i costi sui lavoratori".

"Come FIOM abbiamo appreso dalla stampa polacca che ad aprile 2021 la PROMA, azienda presente anche ad Atessa, ha deciso di investire in quel territorio e prevedono l’assunzione di circa 80 lavoratori. La ISRINGHAUSEN a luglio 2021 ha annunciato che acquisterà in quell’area un terreno per realizzare un nuovo capannone e che vedrà l’assunzione iniziale di 70 lavoratori. Come avevamo previsto a Gliwice stanno replicando la stessa situazione industriale della Val di Sangro. La competizione con Gliwice sarà un vero massacro".

Il segretario della Fiom Cgil sottolinea l'urgenza della costruzione di un percorso unitario con tutte le sigle sindacali. "Oggi la discussione non è più il CCSL, ma il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori dell'intera Val di Sangro e non solo. Da subito è necessario coinvolgere tutti i Sindaci, la Regione Abruzzo, i nostri Parlamentari e le forze politiche. Dobbiamo mettere in secondo piano tutto quello che rischia di dividerci e in modo compatto difendere i nostri territori. Siamo ancora in tempo per evitare una catastrofe annunciata. Ogni minuto perso rischia di precludere la possibilità di invertire quanto sta accadendo." Conclude Fegatelli che tuona: "Ora è il momento di agire!"

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Atessa Sevel

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.