Sabato 19 Settembre 2020

Cronaca

Sequestrato dai Carabinieri Forestrali un allevamento abusivo di cinghiali a Rosciano.

12/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Sequestrato dai Carabinieri Forestrali un allevamento abusivo di cinghiali a Rosciano.

I Militari del Nucleo CITES del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, la scorsa settimana hanno dato esecuzione al sequestro preventivo di quattro Cinghiali detenuti in un recinto di circa un ettaro di superficie in Contrada “Milano” di Rosciano (PE)

I Militari del Nucleo CITES del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, la scorsa settimana hanno dato esecuzione al sequestro preventivo, a firma del Giudice per le Indagini Preliminari del locale Tribunale, Dott. Elio Bongrazio, di quattro Cinghiali (due adulti e due nuovi nati) detenuti in un recinto di circa un ettaro di superficie in Contrada “Milano” di Rosciano (PE) e hanno deferito alla competente Procura della Repubblica un cacciatore cinquantenne di Cepagatti (PE) per detenzione illecita di Cinghiali selvatici.

Il sequestro si è reso necessario poiché i Cinghiali, privi di tracciabilità, risultano prelevati direttamente dall’ambiente naturale e quindi, data l’attività dell’indagato, presumibilmente utilizzati per l’addestramento dei cani da caccia. Infatti, per l’allevamento dei Cinghiali (Sus scrofa L.), considerati da un D.M. del 1996 appartenenti ad una specie pericolosa per l’incolumità e per la salute pubblica, è necessario possedere, oltre alla documentazione che ne attesti la nascita in allevamento, anche un’autorizzazione, ai sensi di una Legge del 1992, della Prefettura territorialmente competente. I militari, prima di affidare l’allevamento sequestrato allo stesso indagato, che rischia fino a tre mesi di arresto o un’ammenda da 7.700 a 103.000 € circa, hanno interessato, altresì, il Veterinario del Servizio di Sanità Animale dell’ASL di Pescara per i controlli necessari a scongiurare pericoli per la salute animale ed umana, come la contagiosa “Peste suina”. “L’attività del Nucleo Carabinieri CITES sul territorio abruzzese”, ha dichiarato il Comandante del Gruppo Carabinieri Forestale di Pescara, “è mirata all’accertamento di illegalità, oltre che nel commercio internazionale di specie in via di estinzione, anche nell’esercizio della caccia e nella detenzione di specie selvatiche pericolose: quest’ultima, nel solo anno 2020, ha portato già al sequestro di tre allevamenti di cinghiali selvatici”.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Controlli a tappeto su tutto il territorio da parte delle forze dell'ordine e da ore continua il Tam Tam sui social lanciato dai familiari disperati.

Ha partecipato all'evento la cantante abruzzese Simona Molinari reduce dal suo Tour di successo. Nel corso dell'iniziativa non sono mancati momenti di riflessione e sono stati resi noti i dati statistici dei decessi sulle strade italiane ed abruzzesi non certo confortanti.

Oltre 500 posti letto dedicati, un Covid hospital aperto ad Atessa in appoggio all'ospedale di Chieti, 37.521 tamponi effettuati finora (parte dei quali nei due “drive-in” aziendali attivati ad Atessa e Ortona), 23.338 pazienti gestiti in quarantena, 103.897 telefonate per la sorveglianza domiciliare, altre 26.182 telefonate ricevute dai medici disponibili al numero verde per le informazioni sul Coronavirus: sono alcuni dei numeri del piano straordinario con cui la Asl Lanciano Vasto Chieti ha fronteggiato nel 2020 l’emergenza Covid-19, uno sforzo enorme da parte di tutti gli operatori sanitari, tecnici e amministrativi, rispetto al quale l'Azienda fa un primo bilancio in occasione della Giornata mondiale della sicurezza delle cure e della persona assistita che si celebra domani, giovedì 17 settembre

I finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno sorpreso l'uomo proprio mentre stava occupandosi delle 160 piante illecite. La sostanza stupefacente, una volta essiccata e immessa sul mercato, avrebbe fruttato ricavi per 200mila euro