Sabato 19 Settembre 2020

Cronaca

Sequestrato dalla Guardia di Finanza di Pescara un quintale di polpi, sanzioni per 23mila euro

13/08/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Sequestrato dalla Guardia di Finanza di Pescara un quintale di polpi, sanzioni per 23mila euro

Scoperta un'organizzazione di pescatori di frodo provenienti dalla provincia di Napoli, che da tempo faceva razzia lungo la costa teatina.

Nella nottata di ieri i militari appartenenti alla Stazione Navale della Guardia di Finanza di Pescara, nell’incessante sorveglianza costiera volta a reprimere ogni tipo di attività illecita, hanno sequestrato circa 100 kg di polpi di mare ad un’organizzazione di pescatori di frodo provenienti dalla provincia di Napoli, che da tempo faceva razzia lungo la costa teatina, per rifornire il redditizio mercato nero del pesce in Campania.

 

L’operazione è frutto di una costante e sempre attenta presenza assicurata anche dal Nucleo Sommozzatori della Guardia di Finanza di Pescara i quali, a seguito di svariati appostamenti fatti in diversi punti della costa teatina e seguendo nottetempo tutti i movimenti dei vari pescatori, sono riusciti ad individuare il gruppo di persone intento alla pesca di frodo. L’intervento di 2 pattuglie è avvenuto nel cuore della notte, quando il bottino di pesca era ormai acquisito, i militari, tempestivamente intervenuti, hanno potuto verbalizzare i 5 soggetti trasgressori colti in flagrante e sequestrare tutto il prodotto pescato, circa 100 kg di polpi oltre a tutta l'attrezzatura utilizzata. I 5 trasgressori, sono stati identificati ed a loro carico è stata elevata una sanzione amministrativa pari a circa € 23.000. Tutto il prodotto ittico è stato sottoposto a sequestro e, dopo i controlli sanitari, è stato devoluto in beneficenza a vari enti caritatevoli e alla" Casa di Riposo per anziani Santo Volto" di Montesilvano. "Tale operazione - si legge in una nota della Guardia di Finanza - si inquadra nell’ambito dell’attività di polizia economico-finanziaria propria della Guardia di Finanza; per il prodotto pescato lungo la costa chietina e consumato anche in altre regioni, non esiste alcun documento contabile, e pertanto si tratta di un'operazione economica sottratta ad ogni forma di imposizione fiscale con guadagni illeciti che possono aggirarsi, per la sola nottata, a ben oltre i 2.000 € non soggetti a tassazione. Il ruolo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza passa anche attraverso questo intervento, finalizzato da un lato, all’individuazione delle attività che pur producendo reddito sono completamente sconosciute al fisco, anche a tutela degli onesti operatori del settore della pesca e, dall’altro, alla salvaguardia della salute dei consumatori, ignari della provenienza dei prodotti ittici, spesso trasportati in piena estate e per diverse ore su mezzi improvvisati che non garantiscono gli standard sanitari minimi".

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Controlli a tappeto su tutto il territorio da parte delle forze dell'ordine e da ore continua il Tam Tam sui social lanciato dai familiari disperati.

Ha partecipato all'evento la cantante abruzzese Simona Molinari reduce dal suo Tour di successo. Nel corso dell'iniziativa non sono mancati momenti di riflessione e sono stati resi noti i dati statistici dei decessi sulle strade italiane ed abruzzesi non certo confortanti.

Oltre 500 posti letto dedicati, un Covid hospital aperto ad Atessa in appoggio all'ospedale di Chieti, 37.521 tamponi effettuati finora (parte dei quali nei due “drive-in” aziendali attivati ad Atessa e Ortona), 23.338 pazienti gestiti in quarantena, 103.897 telefonate per la sorveglianza domiciliare, altre 26.182 telefonate ricevute dai medici disponibili al numero verde per le informazioni sul Coronavirus: sono alcuni dei numeri del piano straordinario con cui la Asl Lanciano Vasto Chieti ha fronteggiato nel 2020 l’emergenza Covid-19, uno sforzo enorme da parte di tutti gli operatori sanitari, tecnici e amministrativi, rispetto al quale l'Azienda fa un primo bilancio in occasione della Giornata mondiale della sicurezza delle cure e della persona assistita che si celebra domani, giovedì 17 settembre

I finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara hanno sorpreso l'uomo proprio mentre stava occupandosi delle 160 piante illecite. La sostanza stupefacente, una volta essiccata e immessa sul mercato, avrebbe fruttato ricavi per 200mila euro