Mercoledì 20 Gennaio 2021

Cronaca

Sequestrate dalla Guardia di Finanza di Lanciano 170 piante di marijuana

16/06/2020 - Redazione AbruzzoinVideo

La piantagione quasi giunta a completa maturazione e quindi pronta per la raccolta delle infiorescenze avrebbe fruttato guadagni per 150mila euro.

Continua l’azione della Guardia di Finanza per la prevenzione e repressione del consumo di stupefacenti. I finanzieri del Reparto Operativo Aeronavale di Pescara, nel corso di una ricognizione aerea, hanno individuavano nell’agro dell’area Frentana la presenza di una coltivazione illecita di canapa indica. Un’area aperta in cui erano presenti piantine di marijuana di varie dimensioni, subito ispezionate sul posto dai militari della Compagnia di Lanciano, coordinati dal comandante, il capitano Alessandro Spada, nel corso di specifiche perlustrazioni. Le 170 piante erano abilmente occultate tra la fitta vegetazione circostante che rendeva la zona difficilmente accessibile e protetta da occhi indiscreti sia dall’alto che da terra. L’attività ricognitiva effettuata nell’intera area adiacente alla piantagione ha inoltre consentito ai Finanzieri di rinvenire un impianto di irrigazione, fertilizzante e svariati attrezzi da lavoro utilizzati per la coltivazione. E’ stata prontamente informata la locale Procura della Repubblica ed, al termine delle operazioni di catalogazione, i finanzieri hanno estirpato la piantagione quasi giunta a completa maturazione e quindi pronta per la raccolta delle infiorescenze. Le piante, alte fino a 160 cm, sono state sequestrate per la successiva distruzione in accordo con l’Autorità Giudiziaria di Lanciano, acquisendo parallelamente elementi tesi a individuare i responsabili. Una volta immesse sul mercato le piante eliminate avrebbero assicurato guadagni illeciti sino a 150 mila euro. L’operazione delle Fiamme Gialle abruzzesi rientra in un più ampio dispositivo di analisi e monitoraggio quotidiano delle aree ritenute a rischio per la coltivazione e lo stoccaggio di stupefacenti.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

All'alba di martedì, i Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Pescara, coadiuvati dai Reparti alla sede di Milano, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Pescara – Dr.ssa Antonella Di Carlo – nei confronti di tre cittadini italiani, membri di un’organizzazione criminale dedita allo spaccio ed al traffico di sostanze stupefacenti e di armi fra la Lombardia e l’Abruzzo.

L’arresto, operato da personale del Compartimento Polizia Postale e delle Comunicazioni “ABRUZZO” di Pescara e dalla Sezione di Teramo, è stato effettuato all’esito della perquisizione eseguita a carico dell’uomo, su delega della Procura della Repubblica di L’Aquila, durante la quale gli operatori di polizia hanno sequestrato una notevole quantità di dispositivi informatici, tra PC, Tablet e Chiavette USB.

I titolari dei locali hanno ricevuto anche sanzioni amministrative per 400 euro.

Nove i nuovi decessi. Gli attualmente positivi scendono di 336 unità rispetto a ieri.