Sabato 16 Ottobre 2021

Cronaca

Sasi, i vertici della società hanno incontrato i sindaci nei pressi della Sorgente del Verde.

08/09/2021 - Redazione AbruzzoinVideo

Nessuna protesta ma la volontà a risolvere insieme i problemi legati alla risorsa idrica. “Le opere vanno avanti e ai buoni risultati già ottenuti ne aggiungeremo altri” ha detto il presidente Basterebbe.

Più di 40 i sindaci del territorio che hanno preso parte questa mattina all'incontro sollecitato dal primo cittadino di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio e che il presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe non solo ha accolto ma ha deciso di estendere a tutti, proprio per far conoscere la situazione legata alla risorsa idrica e per analizzare insieme i disagi dovuti alla mancanza d'acqua. E' stato un incontro concreto e costruttivo a cui seguiranno sicuramente altri con l'obiettivo di collaborare, ognuno per il proprio ruolo e responsabilità, per risolvere le problematiche relative alla carenza della risorsa. La scelta di ritrovarsi a Fara San Martino, alle pendici della Maiella, nei pressi della Sorgente del Verde, non è stata casuale ma voluta dal presidente Basterebbe che ha ritenuto utile e interessante visitare la galleria e le opere di captazione. Un minuto di silenzio in memoria dello storico esponente della sinistra vastese Luciano Lapenna, ex sindaco di Vasto (fu consigliere regionale e assessore provinciale) e per i ragazzi morti in un tragico incidente stradale, prima di dare il via al programma della mattinata. Poi la passeggiata nella galleria accompagnati solo dall'inconfondibile rumore dell'acqua. “Grazie per aver risposto così numerosi al nostro invito – ha esordito il presidente Gianfranco Basterebbe – è importante stabilire e continuare un confronto chiaro sulla reale situazione, perciò siamo qui, alla sorgente che da sola copre l'81 per cento degli utenti e che ora è davvero ai minimi termini. Noi stiamo andando avanti con i progetti, la parola d'ordine per i prossimi mesi sarà efficientamento ovvero rendere efficienti le condotte con un lavoro approfondito di ricerca perdita, interventi che hanno già prodotto risultati tangibili”. Della critica condizione delle sorgenti ha parlato Fabrizio Talone, responsabile servizio adduzione e captazione della Sasi che ha messo nero su bianco consegnando una cartella contenente la mappa dell'intera situazione, con numeri e grafici. Pio D'Ippolito responsabile dell'area tecnica della Sasi, si è soffermato sui fondi appaltati e sui progetti. “Coinvolgere i sindaci rappresenta una sfida importante, noi abbiamo elaborato un significativo programma di interventi – ha sottolineato – tra questi sono previste tre grandi opere, la più attesa è il potabilizzatore che aumenterà la portata di acqua, ovviamente bisognerà lavorare a una condotta adeguata. Noi stiamo procedendo con celerità, purtroppo i tempi tecnici e burocratici non corrono allo stesso modo”.

La Sasi ribadisce, quindi, lo sforzo e l'impegno per portare a termini i progetti previsti e ottenere i necessari finanziamenti. “Niente sarà trascurato, l'obiettivo prioritario è quello di evitare che le difficoltà e i disagi patiti anche questa estate soprattutto da alcuni comuni, si ripetano”ha puntualizzato il presidente. Hanno ascoltato con attenzione i sindaci presenti, tutti hanno apprezzato l'incontro e auspicato che ne seguano altri. Un richiamo all'unità, fuori da appartenenze politiche, è arrivato dal sindaco di Fossacesia Enrico Di Giuseppantonio “è necessario collaborare, l'acqua è un bene vitale ed è di tutti”. Dello stesso avviso il sindaco di Perano Gianni Bellisario “dobbiamo essere uniti e e individuare soluzioni concrete e condivise, pronti anche ad azioni più incisive, se necessario. Siamo in una condizione di emergenza e questo non può essere ignorato”. L'importanza di un uso corretto dell'acqua è stato evidenziato anche dal primo cittadino di Altino. Un argomento che sta molto a cuore al presidente Basterebbe che anche questa mattina ha sollecitato i sindaci a una maggiore opera di vigilanza, proprio per scoraggiare l'uso improprio di un bene prezioso ma non illimitato.

CONDIVIDI:

TAG TEMATICI

Provincia di Chieti Sasi

Potrebbero interessarti

Si tratterebbe di omicidio suicidio. La coppia romena lascia un figlio che al momento della tragedia era a scuola

Emergenza interazioni tra delfini e attività umane nell’Adriatico. L'Area Marina Protetta Torre del Cerrano è partner del progetto europeo Life Delfi che mira a diffondere dissuasori acustici e modalità di pesca alternativa per ridurre le interazioni tra delfini e pesca professionale.

La vittima una 23enne di Pescara che sarebbe stata costretta dall'uomo ad un rapporto sessuale. Il camerunense è risultato già indagato per lo stesso reato commesso nel 2018 sempre a Pescara.