Sabato 16 Gennaio 2021

Cronaca

San Vito Chietino, adolescente ubriaca soccorsa sulla Via Verde Costa dei Trabocchi

10/07/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
San Vito Chietino, adolescente ubriaca soccorsa sulla Via Verde Costa dei Trabocchi

Sarebbe giunta da Pescara in treno con alcuni amici, poi, in preda ai fumi dell’alcol si sarebbe sentita male.

Era insieme agli amici, un gruppetto di adolescenti, giunti in treno da Pescara a San Vito Chietino, nei pressi della spiaggia di Rocco Mancini, per godere di un pomeriggio all’insegna del mare e del divertimento, ma forse esagerando un po’ troppo con birra e vino, è così che una ragazzina si è accasciata a terra, proprio mentre stava andando via, non riusciva a tenersi in piedi, i suoi amici, anche loro piuttosto alterati, l’hanno circondata tentando di farla riprendere, ma nulla. Nessuno di loro se la sentiva di chiamare i soccorsi. Per fortuna ci hanno pensato i bagnanti, che vista la scena sono subito accorsi dalla ragazzina, l’ hanno sollevata ed hanno allertato la guardia medica che è giunta sul posto insieme ad un’ambulanza del 118. Sono stati chiamati i genitori della giovane e la minorenne è stata portata via dall’ambulanza. Un episodio che sembra non essere isolato. Le persone presenti oggi sulla pista ciclopedonale hanno temuto il peggio. Purtroppo, secondo le statistiche, non sono pochi i giovani che in età adolescenziale fanno uso ed abuso di alcol, la “bevuta” o “Il bicchiere” o “ la tazza”, è ormai di grande moda per una spasmodica ricerca dello sballo a tutti i costi. Ma non è accettabile vedere una ragazzina ridotta in quelle condizioni in un pomeriggio d’estate.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Gli agenti sono intervenuti in un parco pubblico cittadino frequentato da minori dopo aver ricevuto una segnalazione.

Sono 9 i decessi in Abruzzo.Scendono di 36 unità gli attualmente positivi in Abruzzo che sono complessivamente 11180

Immobili, società commerciali ed una ditta individuale per un valore complessivo di circa un milione di euro sono stati sequestrati dai militari del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Chieti e dal personale della Divisione Anticrimine della Questura di Chieti ad un noto pregiudicato calabrese di anni 39, già arrestato e condannato a 28 anni di reclusione ed attualmente sottoposto all’obbligo di dimora in questa provincia.

Si è svolta questa mattina la conferenza di servizi decisiva dello Ministero dello Sviluppo Economico, una conferenza attesa da oltre due anni, per chiudere una procedura avviata nel 2014 dalla società Seastock per la realizzazione di un deposito GPL nel porto di Ortona e avallata con una delibera di giunta dall’allora amministrazione comunale guidata da Enzo d’Ottavio.