Marted 02 Marzo 2021

Cronaca

San Salvo, operaio cade da un'impalcatura e muore in ospedale a Pescara

12/11/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
San Salvo, operaio cade da un'impalcatura e muore in ospedale a Pescara

L'appello del sindaco Magnacca ai cittadini: Stringetevi attorno alla famiglia.

Un uomo di San Salvo è morto ieri pomeriggio dopo essere caduto, da 2 metri e mezzo di altezza, dall'impalcatura di un cantiere in via Montegrappa, in pieno centro a San Salvo. La vittima è Nicola Di Biase, 59 anni, operaio edile del posto. L'incidente è avvenuto intorno alle 13.30. Sul luogo dell’incidente sono giunti i sanitari del 118 che hanno chiesto l'intervento dell’eliambulanza da Pescara che lo ha trasferito all’ospedale Santo Spirito dove è morto nel tardo pomeriggio a causa dei gravi traumi riportati nella caduta. Appresa la terribile notizia è intervenuta con una nota il sindaco di San Salvo, Tiziana Magnacca: “A nome di tutta la comunità sansalvese esprimo i miei più sinceri sentimenti di cordoglio alla famiglia di Nicola Di Biase. In questo momento di dolore esprimo la mia vicinanza alla moglie Isabella e al figlio Sebastien per aver subito una perdita del loro caro in maniera così violenta. Un nuovo incidente sul lavoro che spezza la vita di un operaio edile che appare così difficile da comprendere ”. Scrive. “Chiedo ai miei concittadini di stringersi attorno alla famiglia Di Biase per la perdita di Nicola. Episodio che addolora ancor di più nel pensare che la sua morte è avvenuta mentre era al lavoro” conclude il sindaco Magnacca.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Appello del sindaco: Stiamo molto attenti soprattutto i ragazzi. La Dad non autorizza i più grandi ad uscire. Chiedo ai genitori maggiori controlli.

Pupillo: "siamo in un momento delicato, comportamenti che hanno determinato la contagiosità del virus sono da criticare, sono da irresponsabili"

Il Coordinamento sottolinea: Ancora cemento sulla spiaggia, ancora a poca distanza dall'acqua. E il paesaggio? E il rischio erosione?

"Non esistono categorie e ordini professionali che possano usufruire di scorciatoie perché la Direzione Asl non le ha accordate ad alcuno, per rispetto scrupoloso delle regole e del diritto alla salute di tutti."