Venerdì 26 Febbraio 2021

Cronaca

Riprese le ricerche dei 4 dispersi sul Monte Velino con l'impiego di 51 soccorritori, altri 20 in arrivo e unità Cinofile

26/01/2021 - Redazione AbruzzoinVideo
Riprese le ricerche dei 4 dispersi sul Monte Velino con l'impiego di 51 soccorritori, altri 20 in arrivo e unità Cinofile

Si teme per le sorti dei 4 avezzanesi che potrebbero essere stati travolti da una valanga.

Sono riprese stamattina all’alba le ricerche, interrotte ieri a causa del maltempo, dei quattro escursioniti dispersi sul Velino, a Valle Majelama. Tonino Durante, 60 anni, Gian Mauro Frabotta, 33 anni,ed una giovane coppia,Valeria Mella 25 anni e  GianMarco Degni 26 anni. Tutti di Avezzano, erano partiti Domenica mattina da Massa D'Albe per una passeggiata a Valle Majelama, sul Monte Velino. Sono al momento impegnate in quota 1800 metri, nell'area della scomparsa, 51 operatori del Soccorso Alpino e Speleologico e delle unità cinofile, Protezione Civile regionale, Guardia di Finanza, Vigili del Fuoco, 118 regionale, Esercito Italiano e Carabinieri. Sono in arrivo altri 20 soccorritori da tutta Italia. Stamattina grazie alla visibilità buona sono decollati tre elicotteri impegnati nelle operazioni di ricerca: 118, Guardia di Finanza e Vigili del Fuoco. La recente valanga, il forte vento e la presenza di pericolosi accumuli di neve fresca rendono difficoltose le operazioni dei soccorritori. Proprio nelle ultime ore si è tenuto un tavolo tecnico per studiare una strategia di accesso all'area di ricerca. Un'azione imponente quella messa in atto dalla Protezione civile regionale. Nella mattinata di oggi erano presenti al campo base delle ricerche, per il coordinamento delle operazioni, il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, il direttore dell'Agenzia di Protezione Civile Regionale, Mauro Casinghini, e il dirigente di Protezione Civile, Silvio Liberatore.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Il dato allarmante di 33 nuovi positivi ha costretto il sindaco ad emettere ordinanza di chiusura delle attività scolastiche nonchè la chiusura di Corso Trento e Trieste, via Salvo d'Aquisto, via Monte Maiellla, parchi e aree verdi della città, dove si sono verificati maggiori assembramenti. Salgono a 341 i cittadini positivi, un dato mai raggiunto finora.

Sulla popolazione scolastica in presenza oggi 14 alunni positivi e 3 classi in quarantena.

Dieci nuovi decessi. Tra i nuovi positivi quelli con età inferiore a 19 anni sono 83.

Dopo ore di ricerche protratte per tutta la notte, grazie ad un drone del Soccorso Alpino e Speleologico, nelle prime ore del mattino è stato individuato il disperso in una zona molto impervia della parete sud del Monte Vettore.