Domenica 28 Febbraio 2021

Cronaca

Ripa Teatina, sequestrata discarica abusiva di oltre 14.000 mq. Denunciato un trentenne.

21/12/2020 - Redazione AbruzzoinVideo
Ripa Teatina, sequestrata discarica abusiva di oltre 14.000 mq. Denunciato un trentenne.

Lo scorso 14 dicembre, la Guardia di Finanza della Compagnia di Chieti, nell’ambito dell’attività di controllo economico del territorio per la prevenzione e la repressione di condotte a tutela del territorio e dell’ambiente, ha sequestrato in località Colle Arenile di Ripa Teatina un’area di oltre 14.000 metri quadrati.

Le Fiamme Gialle, dopo giorni di perlustrazione ed osservazione, hanno avvistato un soggetto intento allo smaltimento di rifiuti in totale assenza delle prescritte autorizzazioni. Il successivo sopralluogo permetteva di rilevare la severa compromissione dell’habitat naturale a causa del deposito, anche abbastanza datato, di rifiuti di ogni genere, finanche di tipo pericoloso e tossico. In particolare sono stati rinvenuti pneumatici, motori, macchinari, elettrodomestici fuori uso, amianto, rottami ferrosi, autoveicoli e parti in plastica di essi, lampade al neon, bombole GPL, bidoni contenenti olii esausti, batterie auto, materiale notoriamente inquinante. Il soggetto, già con precedenti di natura penale di diverso genere, è stato segnalato alla locale Autorità Giudiziaria per violazione dell’art. 256 del Codice dell’Ambiente. L’intervento, avvenuto in pieno giorno, si inquadra nella strategia del Corpo di contrastare l’illecito abbandono e l’accumulo di rifiuti in aree destinate al verde ed all’agricoltura e dove i soggetti dediti a questi traffici lucrano evitando i costi necessari per il regolare smaltimento all’interno delle discariche autorizzate. Questa pratica, oltre a deturpare gravemente il territorio, provocare rilevanti contaminazioni sia alla fauna che alla flora locale e principalmente a danno delle generazioni future.

CONDIVIDI:

Potrebbero interessarti

Ha riconosciuto su una piattaforma di vendite on-line la sua console X-Box 360 che qualcuno, la settimana scorsa, gli aveva rubato nel suo appartamento a Pescara e ha organizzato un incontro con il venditore senza dimenticarsi di avvisare il “113”.

In difficoltà perché si era ritrovato sulle roccette, dopo aver sbagliato il percorso e aver preso la Direttissima “estiva”, mentre tentava di raggiungere la vetta del Corno Grande, ha richiesto l’intervento del Soccorso Alpino e Speleologico.

Massimiliano Berghella lancia un accorato appello alla cittadinanza affinché si rispettino le norme volte ad evitare il diffondersi del virus.

9 i nuovi decessi. Crescono i ricoveri in terapia intensiva, più 3 rispetto a ieri.